Condividi la notizia

MUSICA

Applausi per l’Orchestra dei conservatori polesani 

Gli allievi dei Conservatori Buzzolla di Adria e Venezze di Rovigo, ancora insieme per il loro settimo concerto al teatro Goldoni di Venezia

0
Succede a:

VENEZIA - Nella splendida cornice del veneziano Goldoni, con una platea attenta ma festante negli applausi calorosi finali, l’Orchestra Giovanile dei Conservatori Polesani ha incantato con la sinfonia n. 40 di Mozart prima, poi con la sinfonia n. 4 di Beethoven.

Straordinari giovani allievi dei Conservatori Buzzolla di Adria e Venezze di Rovigo, ancora insieme per il loro settimo concerto, diretti dai Maestri Ambrogio De Palma e Silvia Massarelli, hanno regalato a Venezia, in questo suo fragile e faticoso momento, la bellezza della musica e testimoniato la loro vicinanza.

I cinquanta musicisti allievi dei Conservatori componenti l’Orchestra hanno ben meritato, per il generoso impegno profuso unitamente a quello dei loro Docenti e Direttori, unanime gratitudine e la gioiosa ammirazione della platea studentesca.

Il concerto, infatti, reso possibile dalla Regione Veneto che ha messo a disposizione il teatro, è stato organizzato congiuntamente oltre che dai Conservatori polesani, anche dalla Fondazione per lo Sviluppo del Polesine e dall’Ufficio Scolastico regionale che ha promosso la informazione e gli inviti a tute le scuole della nostra regione.

L’Orchestra Giovanile dei Conservatori Polesani concluderà la programmazione concertistica 2019 sabato 14 dicembre alle ore 21.00  nella chiesa parrocchiale di Fratta Polesine e quindi il 16 dicembre sempre alle ore 21.00 presso la Chiesa cattedrale di Adria con un programma di ispirazione natalizia. Nove concerti nel primo anno di attività appaiono proprio per la Orchestra giovanile, che gode del sostegno economico della Fondazione Cariparo, la migliore premessa per la prossima stagione 2020.

Articolo di Mercoledì 11 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it