Condividi la notizia

GIOVENTU’ BRUCIATA

“Sindaco, diamo un contributo per combattere la droga sui banchi di scuola”

Appello di Michele Aretusini, capogruppo Lega in consiglio comunale a Rovigo, al primo cittadino Edoardo Gaffeo dopo le recenti attività di polizia

0
Succede a:
ROVIGO - "Leggo che a Rovigo, in pieno centro, si spacciava eroina, anche a minorenni. Eroina a minorenni. Solo a dirlo, fa paura. Leggo che i presidi delle scuole hanno chiesto aiuto alla polizia, temendo che nelle loro scuole si spacciassero e consumassero stupefacenti e che, quando la polizia è andata coi cani, ha purtroppo confermato questi timori. Leggo tutto questo e mi domando: ma non dovremmo anche noi fare qualcosa, sul fronte della prevenzione, adoperarci per aiutare le nostre splendide forze dell'ordine?". Se lo chiede Michele Aretusini, consigliere comunale e capogruppo della Lega, alla luce delle notizie dell'ultimo periodo. Che, in effetti, hanno dato conto di una indagine della squadra mobile della questura che ha arrestato due nigeriani, indagando altri otto stranieri.
Tutti, secondo le contestazioni, spacciavano eroina, cocaina, hashish e marijuana, ma soprattutto eroina, in pieno centro, anche a ragazzini. Centinaia i clienti identificati. Qualche giorno dopo, poi, la notizia dell'operazione scattata a Rovigo, in vari istituti superiori, con i cani antidroga che, in uno di questi, hanno trovato marijuana nascosta nei bagni (LEGGI ARTICOLO).

Da qui la proposta di Aretusini. "Penso che si potrebbero rafforzare i percorsi di formazione nelle scuola - dice - Verificare la disponibilità del Serd, ossia il Servizio per le dipendenze, dell'Ulss 5, sulla possibilità che operatori esperti vengano con maggiore frequenza nelle classi a spiegare i danni e i rischi che l'assunzione di stupefacenti presenta, anche l’amministrazione Gaffeo potrebbe dare il proprio contributo su questa che è una vera e propria piaga della nostra società”. 

"Molto spesso - chiude il consigliere della Lega - ci si avvicina agli stupefacenti per sentirsi ribelli, audaci, alternativi. Personale che, ogni giorno, ha sotto gli occhi adulti e ragazzi devastati dall'assunzione di queste sostanze, potrebbe ben mostrare ai giovani quella che, invece, è la devastante realtà che si cela dietro alla droga".
Articolo di Sabato 14 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it