Condividi la notizia

COMUNE ROVIGO

Direttore artistico del teatro Sociale: e adesso vinca il migliore

Luigi Puxeddu e Stefano Romani sono i due maestri che si contendono la direzione del teatro di Rovigo, entrambi dal curriculum interessante

0
Succede a:
ROVIGO - Un bando selettivo, estremamente selettivo. Si capiva semplicemente scorrendo le modalità di valutazione e i requisiti richiesti. Il teatro Sociale di Rovigo avrà sicuramente un direttore artistico preparato e dal degno curriculum. I punti del bando erano così stringenti che su 9 ammessi passano alla prova orale in due, e tra gli esclusi compare il nome eccellente dell'attuale direttore artistico Claudio Sartorato, scelto dalla commissione presieduta da Nicoletta Cittadin dirigente del Comune, mentre era assessore alla cultura Andrea Donzelli e sindaco Massimo Bergamin. Il maestro Romani partecipò anche allora, era direttore artistico uscente, ma venne messo in secondo piano rispetto a Sartorato e si disse che era troppo caldeggiato dalla "sinistra".
In merito alle polemiche di tre anni fa si è cambiata completamente la commissione, nominata nelle scorse settimane dal Comune, con almeno due su tre addetti ai lavori, ovvero un musicista-docente e un direttore artistico. 
Nella giornata di lunedì 16 dicembre alle 15.30 la commissione tecnica dovrà valutare chi tra i due musicisti rodigini possa dare maggiori garanzie di successo al teatro Sociale della città.

Da una parte c'è un direttore artistico già visto, Romani, che ha diretto con pregio l'opera Madama Butterfly, opera prima dell'odierna stagione lirica del teatro Sociale, diplomato in oboe e docente, musicista e soprattutto direttore d'orchestra internazionale, prossimo al debutto di due produzioni al teatro San Carlo di Napoli, un'opera e un balletto; dall'altra c'è un docente e musicista di fama internazionale, Puxeddu, che suona nei più grandi teatri del mondo e che ha portato a Rovigo i più grandi musicisti del violoncello essendo l'ideatore e organizzatore e direttore artistico di RovigoCello City, festival internazionale di violoncello, oltre che direttore artistico dell'unica stagione che possa definirsi concertistica della città in Accademia dei Concorsi con l'associazione Venezze.
Dalla parte di Puxeddu c'è il fatto di essere al di sopra dei partiti essendo stato scelto da Bergamin, sindaco leghista, per la Fondazione Rovigo Cultura, ma anche candidato consigiere nella lista civica dell'attuale sindaco Edoardo Gaffeo.

E' stata notizia delle ultime ore l'ipotesi che il Comune di Rovigo stesse valutando il ritiro del bando di gara con una procedura in autotutela, ma l'assessore alla Cultura Roberto Tovo smentisce categoricamente: "In questo momento non ci sono, da parte degli uffici, atti di sospensione in autotutela della procedura concorsuale. Personalmente esprimo la mia stima nei confronti di tutti i candidati e dell'attuale direttore artistico di cui apprezzo il lavoro".
Articolo di Lunedì 16 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it