Condividi la notizia

POLITICA CORBOLA

La minoranza chiede e il sindaco Domeneghetti risponde con i post su facebook

Continuano problematiche di comunicazione tra maggioranza e minoranza di Corbola (Rovigo), con il primo cittadino, che invece di rispondere verbalmente alle domande della minoranza predilige i social

0
Succede a:
CORBOLA (Rovigo) - Alla fine dell’ultimo consiglio comunale straordinario che si è tenuto a Corbola venerdì 20 dicembre scorso, la minoranza ha chiesto al sindaco Michele Domeneghetti informazioni circa il pensionamento della pediatra dott.ssa Mariella Valentini e la possibilità che la stessa non venga sostituita in paese, come da comunicazione inviata dall'Ulss 5 alle famiglie nei giorni scorsi.

Il primo cittadino ha dichiarato pubblicamente di non saperne nulla e, comunque, si è dichiarato fuori dalla questione, perché non competono a lui le decisioni nel merito, ritenendo inoltre di poco peso la mancanza di un pediatra in paese perché “si tratta solo di bambini” e non di vecchi, “perché i bambini ammalati tanto si possono caricare in auto” e portarli dal pediatra in un paese vicino, sostenuto in questi ragionamenti da una consigliera di maggioranza la quale ha affermato che si può andare direttamente all’ospedale per le emergenze, dato che i pediatri vi inviano solitamente i bambini ammalati seriamente.

Tutte queste e altre affermazioni simili hanno ovviamente lasciata allibita la minoranza, che ha insistito affinchè il sindaco facesse pressione nelle sedi opportune per garantire nei limiti del possibile una qualche presenza settimanale di un pediatra a Corbola, ritenendolo un servizio molto importante, e non solo comodo, per i genitori che non hanno possibilità di spostarsi, per evitare ricoveri ospedalieri impropri, per vivere serenamente la condizione parentale in uno Stato che voglia dichiararsi moderno e civile.


"Prontamente è stato pubblicato in data 24 dicembre un post sulle due pagine facebook  “2019-2024 Nuovo Progetto per Corbola” e “Sindaco Michele Domeneghetti” dove, con fare trionfalistico si dichiarava che “la nuova pediatra dott.ssa Cristina Marchetti, temporaneamente nominata dall'Ulss in sostituzione della dott.ssa Valentini, prenderà servizio da subito ad Ariano nel Polesine presso l'ambulatorio della stessa dott.ssa Valentini e successivamente, tempo necessario per le dovute autorizzazioni, per due giorni la settimana anche a Corbola presso l'ambulatorio di Villa Agopian” seguito dagli hashtags: #pediatracorbola #corbolacreativa". Così il capogruppo di minoranza Rossano Doati.

Che prosegue dicendo: "Si ringrazia il primo cittadino della celerità e puntualità nel rendere pubblico un servizio che, se non fosse stato per l’intervento della minoranza, non avrebbe trovato attuazione nell’immediato. Si ha l’impressione che ciò che viene fatto passare come una grande conquista dell’attuale amministrazione sia in realtà una vittoria della minoranza che ha chiaramente fatto pressioni sul sindaco su una questione che sta a cuore ai cittadini di Corbola".

"A questo punto ci si pone una domanda: l’ambulatorio di Villa Agopian, casa di riposo in cui sono presenti ospiti anziani di cui molti non autosufficienti con diverse patologie e criticità legate alla salute, è il luogo più adatto dove accogliere bambini che potrebbero anche presentare problemi di salute tali da mettere a repentaglio la sicurezza sanitaria degli anziani ospiti della villa?”. Lasciamo a facebook il diritto di replica che sarà celere e puntuale come il precedente".
 
Articolo di Venerdì 27 Dicembre 2019

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it