Condividi la notizia

ISTRUZIONE 

“Merenda con delitto” a Ceregnano. Gli alunni diventano detective

Suspense, divertimento e deduzioni nella coinvolgente attività organizzata dagli alunni delle classi seconde della scuola Goldoni di Ceregnano (Rovigo)

0
Succede a:

CEREGNANO (ROVIGO) - L’atrio della scuola trasformato nella sala del ristorante di un noto chef stellato, un delitto misterioso, gli alunni divisi in squadre per risolvere il giallo e due classi impegnate a mettere in scena “L’ultima cena di Gustavo Gnam”.

Sono gli ingredienti della Merenda con delitto, l’ultima attività realizzata nella scuola secondaria “Goldoni” di Ceregnano prima della pausa natalizia. Protagonisti gli alunni delle classi seconde che, stimolati dallo studio del genere giallo e appassionati di indagini, moventi e indizi, hanno pensato di coinvolgere tutti gli altri settanta compagni in una singolare mattinata di gioco a colpi di suspense, intuito e deduzioni.

Autori del copione, organizzatori dell’allestimento e del servizio ai tavoli, attori, tecnici, presentatori, gli alunni, guidati dalle docenti Benedetto, Vegnuti, Rigotto, Cuccu e Iannone, hanno svolto un “compito di realtà” a tutti gli effetti, dimostrando impegno, serietà e creatività. Tra snack salati e fette di panettone, si è consumato il delitto dello chef Gnam e le squadre di investigatori hanno svolto le indagini in maniera precisa e accurata, ispezionando la scena del crimine, districandosi tra gli alibi dei sei buffi personaggi sospettati dalla polizia e tra le riflessioni del commissario Pierrot, un po’ distratto. Due ore e mezzo di giallo e divertimento alle quali hanno partecipato anche gli altri docenti della scuola e l’assessore alla Cultura del Comune di Ceregnano Elisa Chinarello. 

Prossimo obiettivo: proporre il giallo in un vero ristorante coinvolgendo famiglie e amici nell’indagine.

Articolo di Venerdì 3 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it