Condividi la notizia

CALCIO

L’ultimo commosso saluto ad Alessandro Bacchiega

Melara (Rovigo) e lo sport in lutto, venerdì 3 gennaio si sono svolti i funerali di “Bakky” Alessandro Bacchiega, l’ex attaccante 40enne è stato vinto dalla malattia. Aveva dedicato la vita professionale ai diversamente abili

0
Succede a:

MELARA (RO) - Venerdì mattina 3 gennai la Chiesa parrocchiale di S. Materno era affollata di gente per l’ultimo saluto ad Alessandro Bacchiega, morto 40enne il 31 dicembre dopo lunga malattia. Lo piangono la moglie Elena, la figlia Alessia, la sorella Carla, il fratello Emanuele con Maria Chiara. La famiglia ha invitato tutti a rinunciare ai fiori e a devolvere le eventuali offerte alla cooperativa sociale sermidese Il Ponte dove Alessandro Bacchiega, una laurea Isef, lavorava da anni come educatore. Hanno partecipato alla cerimonia funebre autorità civili e sportive, oltre a molti giocatori. La salma è stata tumulata al cimitero melarese.

Alessandro Bacchiega, conosciuto in ambito sportivo come Bakky, aveva dedicato la vita professionale ai diversamente abili, lavorava in quel settore a Sermide ed era cresciuto nei valori dello sport, avendo masticato calcio da sempre ed essendosi laureato all'Isef scaligera.

Centravanti nato, era cresciuto nelle giovanili del Verona per poi giocare a livello semiprofessionistico nella Serenissima, nella Sambonifacese, nell'Ostiglia, nel Sustinente, nel Legnago, nella Poggese,  nel Cerea, segnando sempre una caterva di gol. Stimato e conosciuto a Castelmassa, aveva militato nell'Altopolesine di mister Canola nel 2005-2006, diventando nel contempo tecnico del vivaio massese. Un paio di anni a si era accasato a Revere (i biancorossi del River), terminando sulle rive del Po la carriera di bomber. Nel River ha iniziato ad allenare in Terza Categoria, portando i mantovani in Seconda. La scorsa estate lo avevano confermato in panchina ma il tecnico melarese aveva rinunciato per l'acuirsi della malattia, rivelataglisi nel 2018.

Enrico Berti, presidente del River, lo piange come ”un grande giocatore ma prima di tutto come un grande uomo, bravo in campo e in panchina. La prossima estate organizzeremo un memorial in suo onore”.

Il dirigente Marco Frigeri aggiunge che ”sabato 12 gennaio qui a Revere nel torneo Giovanissimi Arcosald osserveremo un 1' di silenzio in ricordo del nostro Bakky; giocheranno Altopolesine, River, Poggese, Ostiglia, tutti club in cui lui ha militato”. 

 

Articolo di Venerdì 3 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it