Condividi la notizia

VIABILITA'

20 famiglie di via Sinistra Canalbianco ancora "bloccate" in casa

Strada chiusa per una frana nel tratto che coinvolge tre comuni: Rovigo, Bosaro e Arquà Polesine. La situazione rischia di non risolversi subito. Residenti arrabbiati

0
Succede a:

ROVIGO - Ci vorrà pazienza e probabilmente un paio di settimane per la ventina di famiglie residenti in via Sinistra Canalbianco che sono, di fatto, bloccate a casa, senza via d'accesso e uscita per il blocco della strada ad opera della polizia municipale di Rovigo dalla vigilia di Natale scorsa.


La strada è chiusa con delle transenne nel suo tratto iniziale, sul ponte per Pontecchio, fino a oltre 600 metri, ovvero all'inizio della località Balladore in direzione Valmolin. Non solo un evidente disagio colpisce i residenti, ma a farli arrabbiare è la mancanza di comunicazione preventiva, ovvero il tutto è avvenuto senza alcun avviso.

La via arginale del Canalbianco inizia sul ponte di Pontecchio Polesine e termina sul ponte di Bosaro per un tratto complessivo di circa cinque chilometri, interessando tre Comuni: Rovigo, Bosaro e Arquà Polesine. Dando anche tre nomi di vie diverse alla stessa: via Sinistra Canalbianco, località Balladore e via Valmolin Inferiore.
I residenti sono preoccupati perché "sembra che tutto l’enorme disagio creato, e non abbiamo visto intervenire durante le festività, sia dovuto ad un inizio di frana della riva. Il rischio è che si vada avanti così per settimane”.

"Chiediamo il ripristino della viabilità, almeno a senso unico alternato per vhi abita lungo l'argine, perché - secondo il loro parere - sarebbe bastato un restringimento della carreggiata di circa un metro dal ciglio erboso con due cavalletti, per una lunghezza di trenta-quaranta metri, incorrispondenza della frana, due-tre coni stradali con le luci intermittenti - una soluzione, per esempio, adottata anche nel comune di Polesella in occasione della frana dell'argine del Poazza (LEGGI ARTICOLO) - vietando ovviamente il passaggio ai mezzi pesanti e di carico superiore ai 35 quintali ed ai non residenti”.

Articolo di Martedì 7 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it