Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

L'Adriese deve cercare la continuità

Il direttore tecnico - organizzativo della formazione granata fa il punto della situazione a fine partita persa contro il Mestre, sapendo che le cose potevano andare diversamente, ma contro l'Este sarà un''Adriese (Rovigo) diversa

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Brucia ancora la sconfitta subita contro il Mestre sabato scorso, in una partita dove obbiettivamente la compagine granata poteva fare certamente meglio, ma che alla fine ha rispecchiato il periodo un po' opaco di questa squadra. A questo punto si sta già pensando alla sfida di mercoledì prossimo 15 gennaio in casa dell'Este; una sfida difficilissima, ma dove i giocatori adriesi avranno modo di dar prova della propria forza. 

"Sicuramente è stata una brutta partita visto che perdere in casa non fa mai bene, ma credo che il pareggio sarebbe il risultato più giusto e gli episodi hanno fatto la differenza visto che facenvamo gol con Paolo Beltrame non ci sarebbe stato nulla da dire". Così il direttore tecnico - organizzativo Alberto Cavagnis che continua dicendo che: "L'espulsione di Florian è dovuta in primo luogo al primo giallo dove il ragazzo ha esagerato, mentre nel secondo caso l'arbitro non ha ben visto e si è scontato con lo zigomo contro un altro giocatore". 

Proseguendo: "L'allenatore non era in discussione prima e non lo è neanche adesso, mentre con Florian c'è un regolamento interno da rispettare". "La rosa con i portieri conta 23 giocatori, per cui è giusta visto che stanno recuperando anche Pagan e Meneghello". 

Concludendo: "Affronteremo l'Este come abbiamo fatto tante altre partite; pensiamo di partita in partita, ma per strada comunque qualche punto lo abbiamo perso". 
Articolo di Lunedì 13 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it