Condividi la notizia

ECONOMIA

Vittorio Munari, ds del Petrarca, chiamato dall’azienda polesana per fare squadra

Evento aziendale presso il Museo Regionale della Bonifica Ca’ Vendramin del Gruppo Zennaro di Porto Viro (Rovigo), per l’occasione presente anche Munari, pluriscudettato con il Padova

0
Succede a:

TAGLIO DI PO (RO) - Zennaro Legnami Srl, azienda storica nella commercializzazione del legname ed affini, radicata da decenni nel territorio, ha deciso di unire le proprie anime dando vita al ‘Gruppo Zennaro’. 

L’azienda nasce nel 1968 a Cavanella d’Adige nel comune di Chioggia per opera del fondatore Giuseppe Zennaro, passato il timone ai figli Mauro e Damiano, si trasferisce nel 2003 nell’attuale sede di Porto Viro sviluppandosi notevolmente ed affiancando all’ originaria vocazione commerciale quella tecnica nella progettazione e realizzazione di strutture in legno. 

Negli ultimi anni l’esperienza maturata nel campo ha portato Zennaro Legnami ad acquisire le capacità per realizzare anche edifici multipiano, e case chiavi in mano con il proprio marchio Habita.  Grazie all’intuizione della direzione che ha saputo cogliere in un prodotto di nicchia come il larice siberiano un’ulteriore opportunità di crescita e sviluppo, Zennaro Legnami ha dato vita ad un proprio marchio registrato ‘Ecolarix’ diventando tra i principali operatori del mercato nazionale di tale prodotto. 

Nel 2017 nasce la filiale di Reggio Emilia, per coprire le esigenze di un territorio con forte vocazione nell’utilizzo del legno;  Dal 2018 un ulteriore arricchimento della gamma di prodotti e servizi offerti: con l’acquisizione del marchio ‘Arcaland‘ si aggiungono le competenze per realizzare giochi per parchi pubblici ed arredo urbano.  Zennaro Legnami attualmente conta una cinquantina di collaboratori tra tutti i reparti interni ed esterni. 

L’importante trasformazione e crescita degli ultimi anni ha reso necessario dare una nuova identità che raggruppasse i vari business: Zennaro Legnami, Ecolarix, Habita ed Arcaland  all’interno del contenitore ‘Gruppo Zennaro’. 

Al fine di condividere con tutti i collaboratori le diverse sfaccettature dell’attività aziendale e al contempo di rafforzare il senso di appartenenza ad una nuova grande squadra, si è svolto un evento aziendale presso il Museo Regionale della Bonifica Ca’ Vendramin. 

La scelta della location non è stata casuale ma conseguenza del voler dare importanza al territorio del Delta del Po unitamente alla volontà di riunirsi in un luogo dove fosse chiaramente evidente come lo sforzo congiunto dell’uomo (squadra) possa compiere grandi imprese, come quella di sottrarre terra al mare per renderla abitabile, coltivabile e sede di attività produttive. 

La giornata si è svolta con l’iniziale autopresentazione sul palco di tutti i collaboratori e relative mansioni, seguita da un breve intervento del presidente Mauro Zennaro, volto a sottolineare il contributo sociale fondamentale dell’impresa, dell’imprenditore e di tutti i lavoratori: ‘operare correttamente con obiettivi condivisi in un ambiente positivo genera benessere nell’individuo ed a sua volta è un volano per il benessere di tutta la collettività a cui appartiene’. 

Nella scia di tali messaggi il successivo intervento dell’ospite dell’evento, il coach Vittorio Munari: personaggio di spicco nel mondo del rugby, attuale direttore sportivo del Petrarca ed ex allenatore pluri vittorioso. 

Durante l’intervento, seguito con sentito coinvolgimento e passione da tutta la sala, Munari ha saputo toccare le corde di sentimenti forti come l’impegno, il senso di squadra, la dedizione al compagno, l’auto motivazione e la stima in se stessi e di come tutti tali elementi possano renderci non solo lavoratori migliori, ma anche e soprattutto persone migliori. 

L’evento si è concluso con il pranzo, la foto di gruppo con il nuovo logo del Gruppo Zennaro e il tradizionale scambio di auguri per il nuovo anno. 

Articolo di Lunedì 13 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it