Condividi la notizia

FURTO AGGRAVATO

Rocambolesco inseguimento, arrestato pregiudicato residente in Polesine

Notte agitata in provincia di Padova, già noto alle forze dell’ordine di Rovigo, arrestato 44enne bosniaco che ha cercato di speronare anche i Carabinieri con un furgone rubato

0
Succede a:

ABANO TERME (PD) - Erano le 23 di martedì 21 maggio 2019 quando i militari dell’Arma della stazione dei Carabinieri di Crespino e Ceregnano sono intervenuti in un bar a Pontecchio Polesine (Rovigo).

All’interno c’era Aleksandro Halilovic, 44enne bosniaco con numerosi precedenti di polizia per reati contro la persona e il patrimonio (furti). E’ stato arrestato perchè in violazione della normativa sull’immigrazione, pur essendo stato espulso dall’Italia il 10 dicembre 2018, ha fatto ritorno ben prima dei 5 anni prescritti.

Rimesso in libertà è stato arrestato l’altra notte dai Carabinieri di Padova. Verso le 20 di domenica 12 gennaio, la centrale operativa della compagnia carabinieri di Abano Terme ha allertato le pattuglie dopo la segnalazione di un furto in corso nella ditta Antoniana Minuterie, in vicolo Gela, ad Albignasego.

Malvivente intercettato a fari spenti, a bordo di un furgone Fiat Iveco rubato a Campodarsego nel pomeriggio. I militari dell’Arma hanno tentato di fermarlo, ma hanno il fuggitivo ha cercato di speronarli.

In via Battaglia l’epilogo. I Carabinieri riescono a bloccare il mezzo, ma l’uomo pone resistenza all’arresto strattonando i militari.

Aleksandro Halilovic, 44enne bosniaco, residente in Polesine, è noto alle forze dell’ordine. A bordo del furgone numerosi rotoli di laminato di ottone per un totale di circa 50 quintali (valore 50 mila Euro). Ovviamente appena rubati. Per il bosniaco si sono spalancate le porte del carcere Due Palazzi.

 

Articolo di Martedì 14 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it