Condividi la notizia

VIOLENZA DI GENERE

Stalking e minacce di morte, scatta la misura cautelare

Una lunga serie di episodi di violenza psicologia nei confronti della sua ex, la Squadra Mobile della Questura di Rovigo ha notificato all’uomo la misura cautelare del divieto di avvicinamento. E’ la prima del 2020, nel 2019 furono ben 17

0
Succede a:

ROVIGO - Martedì 14 gennaio, gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Rovigo, hanno notificato la misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti di un 35enne rodigino per il reato di stalking.

La misura prevede nello specifico il divieto all’indagato di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dall’ex compagna, lo stesso deve mantenere una distanza di almeno 100 metri dalla donna, in più ha anche il divieto di comunicare telefonicamente con lei, compreso qualsiasi mezzo informatico o telematico.

L’attività d’indagine, condotta dai poliziotti della Sezione Reati contro la persona, e coordinata dalla Procura di Rovigo, ha consentito di ricostruire compiutamente una lunga serie di episodi di violenza psicologica cui la donna era sottoposta dagli inizi del 2019.

L’uomo ha perseguitato la donna con continui messaggi, telefonate, appostamenti, danneggiamenti, pedinamenti e minacce di morte. 

Si tratta della prima misura cautelare eseguita nel 2020 e facente parte del più ampio genus delle misure assunte in occasione di violenza di genere e di maltrattamenti.

La Squadra reati contro la persona della Squadra Mobile della Questura di Rovigo, diretta da Gianluca Gentiluomo, sempre più impegnata in emergenze di questo tipo, solo nel 2019 ha notificato ed eseguito 17 misure cautelari coercitive, spesso fondamentali per prevenire la reiterazione di comportamenti violenti ed aggressivi.

Articolo di Martedì 14 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it