Condividi la notizia

SERVIZI SOCIALI

Famiglia di sei persone con tre minori sulla strada, sfratto esecutivo in viale Trieste

Famiglia marocchina residente a Rovigo. Il capofamiglia lavora ma il reddito è insufficiente a coprire le spese per tutti. Negli ultimi due mesi hanno bussato tutte le porte possibili: "Nessuno ci ha dato un'alternativa"

0
Succede a:
ROVIGO - Giornata triste per una famiglia di sei persone, tra cui tre minorenni, di viale Trieste che, dopo due anni di morosità, anche se sanata a tratti, ha ricevuto l'avviso dello sfratto in maniera esecutiva con l'ausilio delle forze dell'ordine.

Il giorno era stato comunicato alla famiglia circa due mesi fa e quando hanno capito che ormai non c'era più nulla da fare padre e figlio maggiore si sono incessantemente rivolti agli uffici dei servizi sociali del Comune di Rovigo che si trovano lungo la stessa strada. Nessuno - dicono al mattino presto - ha dato loro un'alternativa, "nessun posto per una famiglia con un piccolo di 6 mesi, 4 anni e 12 anni". La mamma accudisce i figli, il figlio grande di 21 anni è iscritto ad Ingegneria con borsa di studio, il papà lavora ma il reddito, è pagato poco, non sufficiente a coprire le spese di tutti.



Nel corso della mattinata si è instaurata una trattativa con i Servizi sociali che dopo l'ora di pranzo dovrebbe avere risolto la questione. Lo sgombero sta avvenendo in queste ore in maniera composta. La polizia è intervenuta con il massimo della gentilezza che la situazione impone. I sei stavano per uscire da quella che per anni è stata la loro abitazione. Alle 16 la situazione era la seguente, il marito era ancora in attesa avere rassicurazioni dai Servizi sociali del comune di Rovigo, la moglie era asseragliata in casa in attesa di buone notizie, la Polizia di Stato vigilava in attesa che la situazione andasse a buon fine.

Una cronaca triste per tutti e durata ore, per i protagonisti ma anche per un Comune che non è riuscito a dare una risposta abitativa ad una famiglia numerosa, che ha cercato di dimostrare tutta la sua buona volontà, prima di arrivare allo sfratto. Alla fine ha vinto la famiglia, lo sfratto è stato rinviato, in attesa che i Servizi Sociali e il Comune trovi una soluzione, vista la presenza anche di bambini piccoli.
Articolo di Giovedì 16 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it