Condividi la notizia

LAVORI PUBBLICI

20 milioni di euro di opere pubbliche. Favaretto: "Lasceremo il segno"

Il programma delle opere pubbliche di Rovigo punta su manutenzione, recupero del patrimonio, sicurezza ed efficientamento energetico. L'assessore Giuseppe Favaretto lo illustra. Strade, teatro Sociale, palazzo Marconi, ciclabile destra Adige e scuole

1
Succede a:

ROVIGO - Le opere pubbliche caratterizzeranno l'amministrazione di Edoardo Gaffeo. Lo assicura Giuseppe Favaretto, l'ingegnere assessore ai Lavori pubblici e Urbanistica e Viabilità. 20 milioni di euro che raccontano gli investimenti dell'amministrazione e che descrivono, nel documento di programma delle opere pubbliche, gli interventi in programma, una parte dei quali è consolidata, prevista e già in corso, e la restante parte intende "qualificare la nostra azione" spiega Favaretto. La strategia si basa su quattro linee: sicurezza, ovvero luoghi sicuri e accessibili, efficienza energetica, quindi ammodernamento impianti a favore del risparmio energetico, recupero del patrimonio con la manutenzione straordinaria e tanta, tantissima manutenzione ordinaria. "Credo molto nella manutenzione ordinaria che permette di ridurre nel futuro gli interventi straordinari" afferma l'assessore.
La manutenzione ordinaria nel 2020 è prevista su impianti sportivi, alloggi erp e scuole.
C'è tutta la volontà di ridurre la parte di affitti passivi dove sono dislocati gli uffici pubblici come i Servizi sociali che è previsto siano trasferiti assieme alla Polizia locale in via Marconi, edificio ex Riccoboni. Edificio che un sopralluogo ha messo in evidenza necessitare di 500mila euro di interventi prima del trasloco dei due importantissimi settori del Comune. Un altro edificio che entra in bilancio per essere riqualificato è l'ex Celio, con 200mila euro, per il quale il Comune ha partecipato al bando della Regione Veneto per realizzarvi un centro Innovation Lab.

Il capitolo strade ha diverse risorse a bilancio, 1,2 milioni di euro per la manutenzione straordinaria: 420mila per il rifacimento di strade, 100 per la segnaletica, 670 per la ristrutturazione di manti stradali. "Sono destinati per quei punti che richiedono da tempo interventi importanti per la transitabilità e sicurezza stradale"; in programma ci sono via Calatafimi, via Porta Adige, via Porta Po e altre strade e punti insicuri della città e frazioni. 

Il Comune aprirà un mutuo da 1,4 milioni di euro per finanziare determinati progetti tra cui i 500mila per adeguare lo stabile di via Marconi a diventare sede dei vigili urbani e dei servizi sociali. Miglioramenti previsti, di effecientamento impiantistico, anche per il teatro Sociale pari a 200mila euro, e la realizzazione della ciclabile destra Adige. 

Lo Stato, come stabilito dalla legge finanzaria 2020, corrisponderà al Comune di Rovigo ogni 20 febbraio fino al 2024, quindi per 5 anni, 170mila euro per interventi straordinari di edilizia scolastica, liberando di fatto dal bilancio comunale la cifra omologa. "Quei 170mila euro li investiremo nel bilancio partecipato - spiega il sindaco Gaffeo - ovvero delle risorse messe a disposizione dei cittadini perché propongano e realizzino i loro progetti per il territorio". 

 

 

Articolo di Giovedì 16 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it