Condividi la notizia

SANITA’

L’eccellenza sfreccia per Rovigo [VIDEO]

Nel 2019, sono state effettuate circa 110 mila prestazioni. Dipartimento Urgenza emergenza 118 provinciale di Rovigo preparata ad affrontare qualsiasi situazione

0
Succede a:

ROVIGO - 21 mezzi che sfrecciano, per salvare, trasportare, curare, più di 100 professionisti tra medici, infermieri, soccorritori: Il Dipartimento Urgenza emergenza 118 provinciale è tra le eccellenze della sanità polesana. I mezzi di soccorso sono dislocati sull’intero territorio presso le località Adria, Porto Viro, Porto Tolle, Rovigo, Trecenta, Castelmassa; da Settembre 2013 è attiva una postazione suem  presso la Casa di Cura Santa Maria Maddalena dalle ore 8 alle ore 20 di tutti i giorni; nel periodo estivo vengono attivate le postazioni Suem stagionali di Rosolina Mare, Bonelli, Boccasette e Albarella

“La Centrale di Rovigo è in rete con carabinieri, vigili del fuoco, polizia e con le altre centrali operative coordinando insieme i soccorsi e le uscite – spiega il Direttore Marco Sommacampagna -  e, naturalmente, con  le altre centrali operative 118 della Regione Veneto e d’Italia ed è preparata ad affrontare, attraverso una precisa formazione del personale e alle opportune dotazioni, criticità come allarme climatico o idrogeologico, collaborando con la protezione civile regionale; attacchi terroristici o incidenti con sostanze NBCR (Nucleare, Biologico, Radiologico, Chimico);epidemie (es. SARS, Influenza A H1N1, Ebola),maxiemergenze e massiccio afflusso di feriti soccorso sulla scena di Crimini, grazie al protocollo di intesa con la Polizia Scientifica.

“La nostra scelta è stata esternalizzare tutti i mezzi, per avere autoambulanze, auto mediche di ultimissima generazione, dotate delle ultime apparecchiature medicali e di soccorso intensivo – spiega  il direttore generale Antonio Compostella – si è proceduto anche a siglare convenzioni  per una parte del personale di soccorso e infermieristico, mentre il supporto del volontariato è basilare, unico. Nel 2019, sono state effettuate circa 110 mila prestazioni”. 

Altre importanti funzioni operative del118 sono: Il servizio di ricerca di posti letto  per pazienti  gravi e gravissimi in  divisioni di anestesia e rianimazione, Il trasporto interospedaliero del paziente critico, Il trasporto neonatale e in utero , il trasporto sanitario, Il coordinamento dell’assistenza sanitaria presso eventi sportivi, spettacoli e manifestazioni, La registrazione e il monitoraggio di tutti i DAE (Defibrillatori semi-Automatici Esterni) presenti sul territorio di competenza, La formazione di qualità alla rianimazione cardiopolmonare di base e alla Defibrillazione Precoce per personale sanitario, volontari e laici, comprese le Forze dell’Ordine.

Attraverso il numero unico 118, il servizio erogato alla popolazione si completa con:  l’attivazione del Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica), informazioni sulle farmacie di turno, attivazione del veterinario reperibile al di fuori degli orari di ufficio, attivazione del personale reperibile di Spisal, Igiene Pubblica e Adi, e qualsiasi tipo di informazione sanitaria.

 

Articolo di Venerdì 17 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it