Condividi la notizia

RUGBY

Vittoria epica dei Bersaglieri: Coppa Italia, Adige cup e derby numero 167

Nel pantano del Battaglini sotto il diluvio, la FemiCz Rovigo ha vinto contro il Petrarca Padova 10-3 mettendo in bacheca la Coppa Italia. Meta decisiva di capitan Matteo Ferro e punti al piede dell’ex Menniti-Ippolito

0
Succede a:

ROVIGO - Finale epica allo stadio Battaglini, i Bersaglieri tirano fuori gli attributi in un campo impossibile, e con un pack devastante nella ripresa hanno ragione della stoica resistenza del Petrarca Padova. Prima Coppa Italia della storia di viale Alfieri in bacheca, dopo lo scudetto del 2016, il patron Zambelli e la FemiCz Rovigo conquista il trofeo mancante.

Sabato 18 gennaio 3000 mila spettatori già un’ora prima della partita erano sotto la copertura delle due tribune, area vip con tante autorità presenti, dal sindaco Edoardo Gaffeo con l’assessore allo Sport Erika Alberghini, il vicario della Questura, Domenico Chierico, il comandante provinciale dei Carabinieri Antonio Rizzi con il capitano di Compagnia Giovanni Truglio, e il presidente della Provincia Ivan Dall’Ara. Accanto al patron Zambelli anche il professor Costato per il derby numero 167. Per la Federazione a consegnare la Coppa il consigliere Fabio Beraldin, in tribuna anche il presidente del Comitato Veneto, Marzio Innocenti. C’erano tutti, anche ospiti illustri dell’imprenditoria come Sergio Novello, presidente e amministratore delegato Sonepar Italia Spa.

GUARDA IL VIDEO DELLA FESTA
Leggi la cronaca della finale di Coppa Italia  
Leggi le interviste a Ferro, Lubian, Barion e Menniti-Ippolito
Leggi l'intervista a Zambelli e Roversi
Leggi le parole di coach Casellato
Leggi le parole di Marcato e Covi
Leggi l'articolo sui festeggiamenti da Franchin


Squadre accolte in campo della giovanili della Monti Junior Rovigo e del Petrarca Padova, dopo l’inno di Mameli con la banda di Villadose, il via alle ostilità.

Sotto un diluvio universale la FemiCz Rovigo ha mostrato subito i muscoli, ma ha concretizzato poco. Spesso rinuncia a piazzare per provare la via della penaltouche, ma il Petrarca si immola davanti alla linea di meta per ben due volte. Tre le occasioni al piede nel primo tempo per Menniti-Ippolito, la prima dalla piazzola fallisce di poco, ma è al 10’ il Petrarca a portarsi in vantaggio con Garbisi dalla piazzola, 0-3,

Poi un tentativo di drop di Menniti-Ippolito fallito, ma era sotto pressione, e una traversa da circa quaranta metri dalla piazzola. Sembrava girare tutto storto ai Bersaglieri, eppure la FemiCz Rovigo era dominante in touche e in mischia, ma nei momenti cruciali Bottino ha fischiato un paio di penalità ai rossoblù, vanificando il dominio territoriale a ridosso della zona rossa.

Dopo il riposo la mossa vincente, Umberto Casellato cambia tutta la prima linea, la mischia dei Bersaglieri non solo domina, ma nei primi minuti azzanna i tuttineri. Al 53’ Matteo Ferro, dopo diversi tentativi dei Bersaglieri, trova il pertugio giusto nel fango del Battaglini, il boato dei tifosi certifica che è il momento cruciale del match. Andrea Menniti-Ippolito, grande ex di turno, trasforma per 7-3.

Momento chiave dieci minuti dopo, quando con la gara in pieno equilibrio i Bersaglieri recuperano l’ovale su una mischia con introduzione avversaria: è una spinta ulteriore al morale dei rossoblù, sospinti dal pubblico di casa.

La FemiCz domina, il Petrarca Padova paga l’indisciplina (alla fine quasi venti i falli fischiati ai tuttineri), i rossoblù concretizzano ancora al piede da posizione complicata. Andrea Menniti-Ippolito centra i pali in condizioni estreme, è il 10-3 che rimane inchiodato fino all’80’.

Alla fine è tripudio nel fango, la prima Coppa Italia della FemiCz Rovigo è vinta, uomo del match capitan Ferro, ma tutto il pacchetto di mischia merita un monumento.

Rovigo, Stadio “Mario Battaglini” – sabato 18 gennaio
Coppa Italia, Finale
Femi-CZ Rovigo v Argos Petrarca Padova 10-3 (0-3)
Marcatori: p.t. 10’ c.p. Garbisi (0-3); s.t. 53’ m. Ferro tr. Menniti-Ippolito (7-3), 70’ c.p. Menniti-Ippolito (10-3)

Femi-CZ Rovigo: Odiete; Barion (47’ Bacchetti), Modena (63’ Mastandrea, 80’ Pavesi), Angelini, Cioffi; Menniti-Ippolito, Piva; Ferro (cap.), Lubian (58’ Vian), Ruggeri; Canali, Mtyanda (58’ Michelotto); Pavesi (41’ D’Amico), Momberg (41’ Nicotera), Rossi (41’ Pomaro). All.Casellato

Argos Petrarca Padova: Riera; Leaupepe, De Masi (62’ Fadalti), Faiva, Coppo; Garbisi, Chillon (68’ Navarra); Cannone, Nostran (54’ Conforti), Trotta (cap.) (68’ Manni); Michieletto (54’ Saccardo), Gerosa; Swanepoel (71’ Mancini Parri), Cugini (54’ Carnio), Borean (54’ Scarsini)
All.Marcato
 
arb. Manuel Bottino (Roma)
assistenti:Gianluca Gnecchi (Brescia), Vincenzo Schipani (Benevento)
quarto uomo:Filippo Bertelli (Brescia)
Calciatori: Menniti-Ippolito (FEMI-CZ Rovigo) 2/5 ; Garbisi (Argos Petrarca Padova) 1/1
Note: Giornata piovosa, circa 7 gradi. 3000 spettatori circa
Cartellini: 41’ giallo a Michieletto (Argos Petrarca Padova), 78’ giallo a D’Amico (FEMI-CZ Rovigo)
Player of the Match: Matteo Ferro (FEMI-CZ Rovigo)

 

Articolo di Sabato 18 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it