Condividi la notizia

RUGBY

Casellato dedica la Coppa Italia a Zambelli [VIDEO]

Umberto Casellato dopo la vittoria nel derby contro il Petrarca Padova è corso subito dal patron Zambelli in tribuna per abbracciarlo, la FemiCz Rovigo festeggia, ma da domani si ripensa al campionato 

0
Succede a:

ROVIGO - “Dopo due finali perse di Coppa Italia, una volta con Mogliano, una con le Fiamme Oro, questa l’ho vinta”. Umberto Casellato è corso in tribuna d’onore ad abbracciare il presidente Francesco Zambelli dopo il fischio finale: “Questa coppa la dedico a Zambelli,  non ci fa mancare niente, non è scontato in Italia in questo momento e poi se lo merita perché è sempre con noi, qualche volta anche quando facciamo le cose non proprio bene è contento. E’ una grande persona per noi”.

Tornando al match il coach del Bersaglieri si è tolto un grosso peso sotto il profilo psicologico, anche se l’obiettivo primario resta il campionato, la Coppa Italia aveva assunto una importanza fondamentale per l’autostima e la fiducia “Siamo stati abbastanza fortunati, son partite che si giocano punto a punto. Ho la fortuna assieme a tutto lo staff tecnico di lavorare con 37 giocatori, e tutti i cambi che facciamo sono sempre di qualità, entrano e fanno la differenza.  Faccio i complimenti al Petrarca perché ha giocato una grande  partita. Noi avevamo come piano di gioco di avere il territorio e ci siamo riusciti. Forse potevamo piazzare qualche calcio in più nel primo tempo”.

Primo trofeo vinto per Casellato alla guida della FemiCz Rovigo
L'abbraccio tra Casellato e Antl fuori per infortunio
Casellato subito dopo il match è corso in tribuna ad abbracciare Zambelli
L'abbraccio tra Casellato e Bacchetti


GUARDA IL VIDEO DELLA FESTA
Leggi la cronaca della finale di Coppa Italia  
Leggi le interviste a Ferro, Lubian, Barion e Menniti-Ippolito
Leggi l'intervista a Zambelli e Roversi
Leggi le parole di coach Casellato
Leggi le parole di Marcato e Covi

Andrea Marcato, tecnico del Petrarca, si è lamentato di qualche decisione arbitrale in mischia chiusa (LEGGI ARTICOLO), ma Casellato ha puntualizzato “Le statistiche parlano delle penalità che abbiamo preso, su 13 partite abbiamo una media di 8.2 a partita, otto penalità. Dieci arbitri hanno visto il nostro gioco per cui non è che è distante da quello che è abitualmente il nostro standard di calci subiti, e sopratutto quelli che ci concedono. In questo caso quattro più cinque, nove totali, un po’ di più ma ci sta su un campo come quello di oggi”. 

Profondità della rosa che in prima linea dà ottime garanzie a Umberto Casellato, e sabato 18 gennaio si è visto. Tra il primo e secondo tempo fuori Pavesi, Momberg e Rossi, dentro D’Amico, Nicotera e Pomaro (in tribuna il sudafricano Mienie, l’argentino Leiger e il tallonatore Cadorini, infortunato Vecchini) “è stato quello che volevamo, hanno dato energia. Determinante è stato tenere il possesso del territorio. Stasera festeggiamo e poi ci attendono tre partite toste Mogliano, Petrarca e Reggio che ci dicono dove siamo. Ovviamente vogliamo vincerle tutte e tre per cercare di essere campioni d’inverno. Da domani è il nostro obiettivo, continuare ad essere concentrati, cinici”.  

Articolo di Sabato 18 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it