Condividi la notizia

CASTELMASSA

Centro sociale chiuso a Castelmassa: la minoranza attacca il sindaco

Il sindaco Luigi Petrella non ha ancora riaperto il punto di riferimento per il territorio per giovani, associazioni ed attività ricreative e culturali. Franca Bernini ne chiede conto

0
Succede a:
CASTELMASSA (Rovigo) - Franca Bernini, capogruppo di minoranza di Castelmassa solidale per il lavoro, in un pubblico documento attacca frontalmente il sindaco Luigi Petrella sul centro sociale chiuso da troppi mesi.
Non è vero che la maggioranza di centro destra punta a far rinascere il centro sociale, "che è stato nell'ultimo trentennio un punto di riferimento per tantissimi cittadini, per associazioni sportive, culturali e ricreative". Di proprietà comunale, era stato gestito in convenzione.

Il sindaco Luigi Petrella aveva promesso un nuovo bando dopo quello scaduto lo scorso ottobre ma a fine gennaio 2020 tutto tace.
Vero che Castelmassa è cambiata, che i volontari gestionali sono diminuiti, mutate le abitudini collettive, comunque il centro sociale "ha sempre rispettato le finalità istituzionali, essendo stato concepito per la terza età ma aperto ad una trasversalità generazionale e culturale al servizio della comunità".

Si invita il sindaco a pensare ad una struttura ancora più aperta, coinvolgendo le altre associazioni locali pro persone anziane, diversamente abili e realtà sportive. Nuove attività che possano ruotare attorno al bar "in un incrocio nonni-figli-nipoti. Nuovi corsi come cucina, teatro, hobbistica..."
Sport invernale come palestra di allenamento tipo difesa personale, ginnastica dolce, di mantenimento, fra l'altro.

"Per poter progettare - conclude Franca Bernini - un processo di rilancio è indispensabile, oltre alla volontà dell'associazione che gestisce il centro, la volontà e la collaborazione dell'amministrazione comunale. Il centro sociale è patrimonio del Comune di Castelmassa sia immobiliare che culturale. Purtroppo nei programmi della giunta Petrella non è previsto nessun intervento manutentivo o di ammodernamento e neanche di riqualificazione"
Articolo di Lunedì 20 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it