Condividi la notizia

CONSORZIO DI SVILUPPO

I soci di Consvipo nominano il Cda per la liquidazione. Forse si chiude

Il 18% delle quote sociali favorevoli alla proposta del presidente Ivan Dall'Ara, detentore da solo di quasi il 46% del Consorzio. 15% contrari e 6% astenuti. Per Rovigo l'indirizzo di liquidazione è confuso e non votabile

0
Succede a:
ROVIGO - L'assemblea dei soci di Consvipo indetta dal presidente Ivan Dall'Ara delibera di nominare come componenti del prossimo consiglio di amministrazione dell'Ente consortile azienda speciale la terna di nomi proposta dal presidente della Provincia, socio di maggioranza relativa del Consorzio di sviluppo (LEGGI ARTICOLO).

Partecipatata da 33 soci per l'85% delle quote, l'assemblea, superate alcune questioni di procedura sollevate dal socio Comune di Rovigo con il sindaco Edoardo Gaffeo, ha nominato l'avvocato veneziano Mario Barioli, specializzato nel campo del diritto amministrativo e consulente, fra gli altri, di Ecoambiente, Veneto Acque, Polesine Acque e Consorzio Venezia Nuova, come presidenteMonica Nale, commercialista, ex consigliera comunale di Forza Italia sotto l'amministrazione di Bruno Piva e già revisore in Asm Set, come vicepresidente, e l'avvocato Antonio Valente dello studio Zarbo e Zanussi consigliere.

L'assemblea ha poi deliberato di dare mandato di indirizzo al Cda di prospettare la liquidazione del Consorzio, ma nel testo della delibera assunta, presentata da Ivan Dall'Ara, la certezza della liquidazione non c'è.
Un atteggiamento manzoniano tutto proteso verso l'intervento di una non meglio specificata salvifica Provvidenza, ha fatto inserire in delibera di indirizzo: "Il Cda dovrà definire le questioni da affrontare e le relative proposte da sottoporre all'esame dei soci per l'apertura della procedura di liquidazione dell'Ente, sempre che, nel frattempo, non emergano, sopravvengano, soluzioni che consentano il superamento dei problemi riscontrati nell'attività dell'Ente".

"Confusa, indefinita, non votabile" per il socio Comune di Rovigo, la delibera di indirizzo rivolta al prossimo, forse ultimo, Cda di Consvipo è stata assunta con il 64% delle quote sociali, 15% contrari e 6% astenuti.

D'altronde Ivan Dall'Ara nel suo programma di lista per la presidenza della Provincia di Rovigo aveva inserito, in discontinuità con il predecessore Marco Tronbini, la volontà di "salvare Consvipo" e quindi, come si dice, la speranza, del presidente Dall'Ara, è l'ultima a morire (LEGGI ARTICOLO).
Articolo di Lunedì 20 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it