Condividi la notizia

POLITICA

Ritardo giustificato dalla volontà di un rilancio completo della struttura 

Sul caso del bando del centro sociale di Castelmassa (Rovigo) il capogruppo di maggioranza Federico Ragazzi, risponde alle accuse di Franca Bernini, difendendo l’operato del sindaco Luigi Petrella e dell’Amministrazione 

0
Succede a:
Luigi Petrella

CASTELMASSA (RO) - Il bando per la gestione del centro sociale di Castelmassa è stato recentemente pubblicato dall’Amministrazione comunale e pertanto la maggioranza consigliare, nella persona del capogruppo Federico Ragazzi, vuole fare chiarezza sullo stato dell’arte.

“La maggioranza consigliare – afferma Ragazzi - è rimasta molto stupita dalle dichiarazioni della capogruppo di minoranza Franca Bernini (LEGGI ARTICOLO), la quale ha attaccato il sindaco Luigi Petrella e l’Amministrazione tutta per non aver ancora pubblicato il bando per la riapertura del centro sociale di Castelmassa. Le motivazione del nostro stupore sono molteplici. 

Innanzitutto, è totalmente falso che il centro sociale sia chiuso da “troppi mesi”, in quanto, ad onor del vero, la struttura  risulta chiusa da meno di un mese. 

In secondo luogo, la situazione del centro sociale era stata spiegata in maniera chiara e trasparente già in occasione del consiglio comunale del 28 novembre scorso, a seguito di una legittima interrogazione della minoranza riguardante l’affissione di un cartello di avviso di chiusura sulle porte dello stesso locale, firmato dalla presidente Confortini. A tal proposito, il sindaco Petrella e l’assessore Boschini hanno potuto spiegare la verità dei fatti, e che cioè la chiusura anticipata non è certamente dipesa dell’Amministrazione, ma da una decisione unilaterale assunta dal gestore del centro sociale. Tale situazione si è rivelata ancor più assurda in considerazione del fatto che il contratto di gestione inizialmente prevedeva la scadenza della concessione ad ottobre 2019, ma poi, su richiesta della stessa presidente Confortini, l’Amministrazione ha concesso la gestione della struttura fino al 31 dicembre 2019”. 

“Sostanzialmente - continua il consigliere Federico Ragazzi - la presidente Confortini ha prima chiesto una proroga della concessione dell’immobile salvo poi, senza confrontarsi minimamente con l’Amministrazione, optare per la sua chiusura, prima fissata per il 25 novembre e, dopo qualche giorno, per la fine del 2019.

Ritengo, infine, doveroso, chiarire che il motivo per cui la redazione del nuovo bando ha impiegato più tempo del previsto prima della sua pubblicazione è esclusivamente legato alla volontà dell’Amministrazione di promuovere al meglio il futuro del centro sociale, di cui anche la maggioranza consigliare riconosce l’importanza per la Comunità massese. I tempi per elaborare un tale documento, sommati ai gravosi impegni dei competenti uffici dell’area demografica, hanno comportato un leggero ritardo nella pubblicazione del bando – ritardo che, ricordiamo, non è stato di mesi, ma di qualche settimana dalla chiusura del centro sociale.

In conclusione, l’Amministrazione auspica un rilancio fattivo del centro sociale, che possa coinvolgere trasversalmente giovani e meno giovani, per il bene di tutta la Comunità di Castelmassa, e proprio per questo motivo auspichiamo che il bando, di recente pubblicazione possa essere molto partecipato”.

Articolo di Martedì 21 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it