Condividi la notizia

ANTIVIOLENZA PORTO VIRO

Cinque donne aiutate in questa fine 2019 dal sos donna portovirese

Numeri importanti per il centro antiviolenza di Porto Viro (Rovigo) inaugurato ad inizio inverno e che ha già registrato dei buoni risultati con professioniste che danno il loro tempo per aiutare situazioni veramente difficili

0
Succede a:
PORTO VIRO (Rovigo) - Tre intensissimi mesi di duro lavoro e grande impegno, nell’arco dell’autunno/inverno 2019, per le volontarie e le professioniste dello sportello sos donna di Porto Viro, sportello dedicato alla tutela delle donne e dei minori che ne hanno necessità e che ne facciano espressa richiesta.

Lo sportello sos donna è gestito dall’associazione di promozione sociale Altoditerra, presieduta dalla psicologa Francesca Siviero, costituita da avvocati, insegnanti, pedagogisti, educatrici, psicologhe, psicoterapeuti e da qualche tempo si è anche dotata dell’indispensabile figura dell’assistente sociale. Le professioniste e le volontarie prestano il loro servizio a titolo totalmente gratuito. L’assessore alle politiche di genere Marialaura Tessarin commenta: “Sos donna vuole essere un riferimento per donne, minori e famiglie vittime di violenza, ma anche per la prevenzione di tutte quelle condizioni di disagio, malessere e sofferenza che ognuno di noi può purtroppo attraversare nella propria vita".

"E’ stata per la città di Porto Viro una grande sfida, non è stato facile mettere in piedi dal nulla uno sportello di questo tipo in totale autonomia. Le professioniste e le volontarie hanno dimostrato dedizione e passione, oltre che una particolare sensibilità verso le situazioni più delicate. Ben 5 donne sono state aiutate fino alla fine dell’anno 2019, donne provenienti anche dalle province limitrofe; sono numeri che sicuramente fanno riflettere e che certamente sono il segnale di una vera emergenza sociale, numeri che denotano l’estrema necessità di un riferimento nel territorio, specie in un territorio come il nostro caratterizzato da lunghe distanze geografiche, dove l’informazione viene divulgata con non poche difficoltà e i servizi non sono ancora sufficienti nonostante l’impegno di molti".


Le professioniste di sos donna hanno dichiarato: “Da quando è stato inaugurato lo sportello, vi si sono rivolte diverse donne in cerca di aiuto. La media è stata di 2 al mese, ma il numero è in crescita. Anche se non destavano particolare allarme, le donne hanno ottenuto consigli per risolvere problemi da cui erano afflitte da anni. E’ stato ridimensionato un potenziale pericolo con l’aiuto dei carabinieri, del legale e della psicologa, i quali sono riusciti a ridurre al minimo il conflitto per evitare ripercussioni ad un minore. Il supporto psicologico si è reso essenziale per affrontare situazioni familiari cariche di tensione.”

Oltre al servizio costante garantito dallo sportello, le professioniste e le volontarie hanno svolto attività di divulgazione sul territorio di Porto Viro e comuni limitrofi: riunione con istituzioni provinciali per presentazione progetto, inaugurazione sportello alla presenza di istituzioni e giornalisti, presentazione attività al comitato di pilotaggio del centro antiviolenza del Polesine presso il comune di Rovigo, partecipazioni varie al tavolo provinciale del protocollo di rete per il contrasto alla violenza presso la cittadella sanitaria dell’ulss 5 di Rovigo, presentazione dello sportello alla camminata di sensibilizzazione contro la violenza di genere organizzata dal comune di Taglio di Po insieme agli studenti delle scuole medie, presentazione dello sportello agli studenti dell’istituto Colombo di Porto Viro in occasione del 25 novembre, fiaccolata contro la violenza di genere a Porto Viro con autorità e giornalisti, galà delle pari opportunità di Porto Viro alla presenza dei sindaci, autorità provinciali e giornalisti, presentazione dello sportello agli studenti della scuola Galilei di Adria.

L’assessore conclude: “Non ringrazieremo mai abbastanza l’attenzione e la sensibilità di Lng Adriatic, sponsor di questo grande progetto, che insieme a noi ci ha creduto sin dal primo momento e che ci ha permesso di garantire l’apertura dello sportello per 3 anni.”

 
Articolo di Martedì 21 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it