Condividi la notizia

COMUNE

Ai trecentani non resta che affidarsi ad un geometra

Aree edificabili: i cittadini di Trecenta (Rovigo) colti di sorpresa dal Sindaco, per il consigliere di minoranza Gilberto Bianchini non c’è stata informazione

0
Succede a:
Gilberto Bianchini

TRECENTA (RO) - Fra la fine del mese di dicembre 2019 e i primi giorni del 2020 molti cittadini di Trecenta hanno avuto una sgradita sorpresa dall’Ufficio Tributi che ha recapitato una comunicazione avente per oggetto “Attribuzione natura di area edificabile”. 

Di fatto sostiene il consigliere di minoranza Gilberto Bianchini le aree non edificabili, venendo riclassificate aumentano il loro valore catastale ma se questo per qualcuno può essere utile (per esempio nel caso di un ampliamento edilizio) per molti altri diventa solo un costo, sia in termini erariali che di spese da sostenere per ingaggiare un tecnico per le controdeduzioni. 

“Quel che più dà fastidio, secondo Bianchini, è che la decisione non è stata accompagnata da adeguata informazione, dopo che era stato approvato il Piano degli Interventi, nel quale sono stati individuati ed elencati terreni e/o enti urbani censiti a catasto ai quali è stata attribuita d’Ufficio la natura di area edificabile, nella stragrande maggioranza dei casi con la destinazione urbanistica “B1 residenziale di completamento” con relativo valore in Euro ai fini ICI per l’anno 2019”. Molti, infatti, la ritengono una vera e propria ingiunzione di pagamento, dal momento che nella preoccupazione nei cittadini nella comunicazione è stata inserita in grasseto la frase “Si invitano i contribuenti a controllare e/o integrare i versamenti eseguiti nel 2019 a titolo di IMU e TASI sulla base dei dati comunicati con la presente in quanto l’edificabilità derivante dalla approvazione del Piano Interventi decorre dal 01.01.2019”. Insomma una scelta a senso unico fatta dall’amministrazione Laruccia, contro la quale ai trecentani non resta che affidarsi ad un geometra per presentare dettagliate osservazioni e richiedere l’annullamento o l’eventuale riduzione dell’area della nuova destinazione urbanistica. 

“Siamo a conoscenza, prosegue Bianchini, che tanti altri Comuni hanno approvato il Piano Interventi senza applicare la Legge per l’individuazione di nuove aree edificabili in particolare aree B1 residenziali di completamento con valore economico consistente ai fini ICI”. Allora sorge spontanea una domanda: perché il Sindaco Laruccia e tutta la maggioranza hanno operato questa scelta? Forse, insinua il Consigliere, Laruccia l’ha fatta  per controbilanciare la tanto propagandata decisione in cui diceva “questa maggioranza non aumenta le tasse ai cittadini”?

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 22 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it