Condividi la notizia

CARABINERI FORESTALI

58 denunce e 49 sequestri penali nell’ultimo anno

Un impegno a 360 gradi su tutto il territorio, a Rovigo i Carabinieri Forestali nel 2019 hanno effettuato oltre 4 mila controlli. Forte contrasto al bracconaggio ittico e venatorio, e interventi per la tutela della salute pubblica con ispezioni mirate in

0
Succede a:

ROVIGO - I Carabinieri Forestali di Rovigo, nel 2019, hanno eseguito 4.170 controlli e 1.798 controlli su persone per un importo di 224.557€ di illeciti amministrativi contestati. Le notizie di reato segnalate all’Autorità Giudiziaria sono state 41. Sono state denunciate 58 soggetti, eseguiti 49 sequestri penali  ed effettuate 9 perquisizioni. E’ questo il resoconto complessivo delle attività svolte nel 2019 dai  militari in servizio in provincia di Rovigo nelle Stazioni Carabinieri Forestali di Trecenta, Rovigo, Porto Tolle, Adria, al Nucleo Investigativo Polizia Ambientale ed al Gruppo del capoluogo

Tra gli ambiti operativi si evidenziano i controlli a tutela del paesaggio, dei corsi d’acqua, del benessere animale, della flora protetta e delle utilizzazioni boschive, nonché l’attività di contrasto al bracconaggio ittico e venatorio ed alle pratiche illecite in danno alla flora ed alla fauna protetta, ed ancora i servizi di lotta alle frodi agroalimentari ed alle violazioni in materia di etichettatura e tracciabilità dei prodotti.

In particolare nell’ottica della salvaguardia della fauna stanziale e di passo, i Carabinieri Forestali hanno effettuato, oltre ai consueti controlli venatori, una serie di campagne antibracconaggio all’interno del  black-spot del Delta del Po.

L’attività svolta si è sviluppata come risposta alle segnalazioni, esposti, denunce pervenute da privati cittadini o su delega dell’Autorità Giudiziaria, ma soprattutto su iniziativa delle Stazioni in risposta alle situazioni di rilievo notate nell’ambito dei servizi di vigilanza ambientale e di controllo del territorio. 

Si è incentrata sul contrasto all’abbandono e alla gestione dei rifiuti speciali e pericolosi derivanti da attività edile, contenenti anche amianto; sull’uso in agricoltura di prodotti antiparassitari, fertilizzanti ed effluenti di allevamento: per quest’ultimi in particolare i controlli hanno riguardato lo stoccaggio e la corretta utilizzazione. Il controllo dell’utilizzo in agricoltura dei predetti materiale è derivato in più occasioni da specifiche segnalazioni e richieste di intervento, in quanto il non corretto utilizzo comporta aspetti che possono incidere sulla tutela salute. 

Particolare impegno è stato dedicato anche al controllo ed all’invio delle previste segnalazioni riguardanti la Condizionalità in agricoltura. La scorretta gestione e utilizzo degli antiparassitari e degli effluenti di allevamento determinano violazioni alla specifica normativa della Condizionalità in agricoltura. Tale normativa trae origine da regolamenti comunitari aventi lo scopo prioritario, tramite l’attribuzione di incentivi economici, di tutelare la salute dei consumatori, degli operatori, il benessere animale e di ridurre l’inquinamento prodotto dal settore primario. La violazione di questa specifica violazione comporta per l’agricoltore la riduzione dell’incentivo percepito, determinata dall’agenzia che eroga il contributo pubblico.  

Dunque, oltre ad alcune verifiche su produttori di alimenti “biologici”, l’attenzione si è focalizzata sul corretto impiego dei prodotti fitosanitari riscontrando in alcuni casi un utilizzo difforme dalle prescrizioni e procedendo con le sanzioni del caso.

Si sono effettuati molteplici e regolari controlli sull’esercizio della pesca sportiva sulle acque interne, sia lungo i principali fiumi, sia nei canali minori insistenti nel territorio di competenza. A seguito di specifiche segnalazioni riguardanti attività di bracconaggio ittico, praticato sui canali minori, sono state avviate attività investigative sul fenomeno. Parte dell’attività viene compiuta in sinergia o in supporto alla linea territoriale dell’arma per fornire il contributo specialistico nei servizi di prevenzione a tutela della legalità.

 

Articolo di Giovedì 23 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it