Condividi la notizia

CULTURA

Maggio rodigino, grande occasione per la città e non solo

Presentato alla città di Rovigo il bando per partecipare all’edizione 2020. C’è tempo fino all'8 marzo per presentare i propri progetti

0
Succede a:
Virgilio Santato e Roberto Tovo

ROVIGO – E' sbocciata la primavera della cultura, ovvero il Maggio Rodigino, il mese dedicato agli eventi e alle iniziative culturali e di spettacolo che porteranno in città tantissimo entusiasmo, curiosità, voglia di scoprire i grandi nomi della letteratura, del giornalismo, della musica, dei fumetti. Giovedì 23 gennaio, nella sala consigliare del Comune, infatti, la Fondazione per lo sviluppo del Polesine e il Comune di Rovigo hanno incontrato le associazioni, i commercianti e i privati cittadini che anno voluto chiedere spiegazioni sul bando pensato proprio per aprire il Maggio Rodigino alla città.

Come ogni anno, il bando è scaricabile dal sito www.maggiorodigino.it, ed è rivolto a tutte le associazioni sportive e culturali, ai commercianti e ai singoli cittadini che vogliono presentare un proprio progetto per vederlo inserito nel ricco calendario di eventi della kermesse nelle giornate non dedicate ai festival (che quest'anno cambiano data: si parte con Contaminazioni, il festival del Conservatorio, si prosegue con il Festival Biblico e Rovigocomics per chiudersi poi con Rovigoracconta). Il bando scadrà l'8 marzo, data dopo la quale i vari progetti inviati saranno vagliati da un'apposita commissione. Presenti per l'occasione Virgilio Santato, presidente della Fondazione per lo Sviluppo del Polesine, e dell'assessore alla cultura del Comune di Rovigo, Roberto Tovo.

Sono ammessi alla partecipazione del Maggio Rodigino Associazioni, circoli, cittadini e attività commerciali. Ogni promotore potrà presentare un unico progetto per le date proposte nel bando, che sarà inserito a calendario e per cui la Fondazione e il Comune metteranno a disposizione gratuita sale, comunicazione e organizzazione. L'ente proponente dell'evento rimane però responsabile delle relazioni con gli uffici comunali e con la polizia locale, per ottenere i vari permessi previsti. I progetti approvati verranno poi pubblicati sul sito internet e, previo accordo con i referenti, inseriti nel calendario degli eventi 2020 del Maggio Rodigino.

“Quest'anno abbiamo ricevuto un gesto di speciale attenzione da parte dell'amministrazione comunale, che ha voluto spiegare questo bando proprio per facilitare tutte le associazioni che vogliono partecipare – spiega Virigilio Santato, presidente della Fondazione per lo sviluppo del Polesine -. Il Maggio è arrivato alla sua quarta edizione: usiamo l'esperienza delle stagioni scorse per migliorare, perché vogliamo continuare a crescere. La prima tappa è quindi l'apertura del Maggio Rodigino alla città, nessuno deve sentirsi estraneo o tagliato fuori: tutti possono partecipare con i propri eventi. Il bando è già online: basta proporre la propria idea. Un ringraziamento particolare alla Fondazione Banca del Monte di Rovigo e alla Amministrazione comunale, Assessorato alla cultura: la loro disponibilità e vicinanza continuano ad essere la risorsa prima del Maggio Rodigino”.

Proprio l'assessore alla Cultura, Roberto Tovo, gli fa eco: “Siamo felici di sostenere questo importante progetto che per un mese vede la nostra città fiorire di cultura. Il Maggio Rodigino rappresenta un importante occasione per condividere momenti e iniziative di grande spessore. I riflettori saranno puntati sulla nostra città che diventerà catalizzatore di idee ed eventi, mettendo in luce le grandi potenzialità del nostro territorio. Ringrazio gli organizzatori e chi partecipa e collabora a questo grande contenitore culturale, con l'auspicio che possa crescere sempre più negli anni”.

Articolo di Giovedì 23 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it