Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

Al Delta manca sempre la concretezza in attacco

Ancora una volta la sconfitta delle formazione di Porto Tolle (Rovigo) è dovuta si a qualche amnesia in difesa, ma per buona parte è stato un attacco poco efficace, che con l'uscita di Raimondi lo è stato ancora di più

0
Succede a:
PORTO TOLLE (Rovigo) - Una sconfitta che brucia, ma sul campo c'è da sottolineare che il Cartigliano ha dimostrato qualcosina in più di questo Delta Porto Tolle, con un gioco di squadra veramente degno di rispetto, ma soprattutto dando prova di essere compatto sotto ogni punto di vista. Chiaro, se la partita fosse durata altri 90 minuti il risultato non sarebbe cambiato visto comunque il buon equilibrio visto in campo nel primo tempo. 

Manca però qualcosa nella fase offensiva di questo Delta Porto Tolle; lo stesso allenatore Pagan lo ha sottolineato domenica scorsa in conferenza stampa, specificando che la manovra prima del centrocampo c'è, ma manca la concretezza in attacco. In aggiunta è arrivata quell'espulsione che non ti aspetti, con Andrea Raimondi che si è fatto spedire fuori dal campo per proteste ripetute e forse qualche parola di troppo nei confronti del direttore di gara. 

Un errore del genere per un giocatore del suo calibro non va bene, visto che è lui, in questo momento, il fulcro della fase offensiva, e il fatto di lasciare in 10 contro 11 i propri compagni in una partita così importante non gli fa onore. Pazienza, la prossima settimana c'è un derby da giocare e da provare a vincere contro un'Adriese che viene anch'essa da una sconfitta più dolorosa. Nel frattempo il Delta dovrà capire come rimediare agli errori fatti e come non perdere nuovamente. 
Articolo di Lunedì 27 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it