Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

Longato: il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto

Il direttore sportivo dell'Adriese (Rovigo) commenta la partita persa dalla propria squadra contro il Tamai, specificando che la formazione friulana si è chiusa bene e che il rigore per gli avversari c'era, anche se viziato da un altro fallo non fischiato

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Un sconfitta che fa male, che deriva da quella foga che con il Feltre si era vista, ma che probabilmente in questo momento è un po' scemata e ha bisogno di essere messa in campo ogni domenica. L'Adriese perde in casa del Tamai, che con questa colleziona la terza vittoria consevutiva tra le proprie mura. Sicuramente le occasioni da gol non sono state tante da entrambe le parti, ma con un po' di concretezza in più la situazione poteva essere ben diversa. 

"Voglio sottolineare subito che dopo cinque minuti dall'inizio della partita c'era un fallo da ultimo uomo su Florian lanciato a rete e il difensore non è stato espulso, per cui sicuramente è un episodio che ha condizionato tutto il resto della partita". Così il direttore sportivo Sante Longato che commenta poi: "Sono del parere che abbiamo fatto una partita non all'altezza della sfida precedente e che ormai dobbiamo essere meno giocatori e più "animali" per portare a casa la vittoria". 

Proseguendo: "Il campo di Tamai non era dei migliori, ma alla fine abbiamo lottato in entrambi i casi per vincere, peccato che non siamo riusciti ad andare noi in gol". Sottolineando: "Sul loro rigore c'è da specificare che c'era un fallo poco prima su Mantovani non fischiato e sulla medesima azione Scarparo è intervenuto malamente; per cui è un rigore che ci sta, ma se fosse stato fischiato sul nostro difensore allora parleremo di un'altra partita". "Continuamo a guardare avanti partita dopo partita per arrivare alla prossima, con un derby tutto da giocare". 
Articolo di Lunedì 27 Gennaio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it