Condividi la notizia

CULTURA

Da Mozart a Morricone buona la prima al Balzan

Debutto positivo della ministagione teatrale 2020 al restaurato Sociale di Badia Polesine (Rovigo)

0
Succede a:

BADIA POLESINE (RO) – Buona la prima, si usa dire e, in effetti, il debutto della ministagione teatrale 2020 al restaurato Sociale di Badia, ha avuto un buon riscontro di pubblico e di consensi sabato sera. La rassegna, promossa dalla neonata associazione per il Balzan guidata da Dino Bonfante, col sostegno del Comune, per questa prima esperienza si avvale delle collaborazioni con il Teatro Stabile del Veneto e i Filarmonici Veneti in un mix teatro-musicale di sicuro interesse. Sul palco con l’Orchestra ‘I Filarmonici veneti & Salieri Mozart’ diretti da Massimo Santaniello (esibitosi anche al clarinetto), si sono alternati Nello Salza trombettista di fama internazionale ed il giovane Michele Santaniello al pianoforte. La stagione del bellissimo teatro, tornato agibile grazie a numerosi interventi di restauro resi possibili da vari enti e persone innamorate del proprio territorio, è dunque iniziata con la buona musica per la soddisfazione del presidente Dino Bonfante. Nel suo intervento il numero uno dell’associazione ha voluto porre l’accento sull’importanza della rassegna che fa rivivere i fasti di 200 anni di storia non sempre felice del Sociale, anche a causa della difficile sostenibilità economica di una struttura con appena 240 posti. “Questa sera siamo a 232, ma ciò comporta delle chiare difficoltà di gestione” ha precisato Bonfante, che ha comunque assicurato “… il massimo impegno e tutta la passione dell’associazione per far rivivere questo scrigno, continuando il lavoro di chi ci ha preceduto; però abbiamo bisogno anche dell'aiuto del pubblico”. 

il sindaco Giovanni Rossi ha voluto ringraziare i soci che si sono imbarcati in questa avventura triennale debuttata sabato sera, affrettandosi ad assicurare che la stagione riprenderà più strutturata il prossimo autunno. Il primo cittadino ha quindi reso omaggio agli ex sindaci presenti tra il pubblico: Gabriele Cappato, Edo Boldrin, Paolo Meneghin e Gastone Fantato, che ha ringraziato per il pluriennale lavoro di riqualificazione del teatro.

La serata “Una tromba da Oscar – Un pianoforte prodigio – Da Mozart a Morricone" ha riproposto al pubblico, in un ideale contrappunto storico, una scaletta dedicata ai due grandi compositori Wolfgang Amadeus Mozart ed Ennio Morricone. Si è partiti con il 17enne Michele Santaniello che ha suonato una delle migliori produzioni pianistiche mozartiane degli anni di Vienna, il concerto per pianoforte e orchestra "n. 12 in la maggiore K 414", proseguendo via poi con le melodie di alcuni grandi film eseguite da Nello Salza "la tromba del cinema italiano", tra cui La vita è bella, La leggenda del pianista sull'oceano e Per un pugno di dollari. I calorosi e insistiti applausi finali, hanno certificato il successo della serata.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Mercoledì 5 Febbraio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it