Condividi la notizia

TRUFFA

Attenzione ai falsi tecnici: nuovo caso in provincia di Rovigo

Derubata una famiglia di Stienta (Rovigo) asportati contanti e preziosi con il solito modus operandi, fingendosi un tecnico della rete idrica. Allertate le forze dell’ordine

0
Succede a:

STIENTA (RO) - Continuano purtroppo gli episodi di truffa con falsi tecnici del servizio idrico. Una nuova segnalazione è pervenuta allo sportello clienti di acquevenete, per un caso verificatosi a Stienta (Ro) nella mattinata di mercoledì 12 febbraio. Un uomo si è presentato presso l’abitazione dell’utente, esibendo un finto cartellino con il logo di acquevenete. 

Ha controllato il contatore, per poi dire che sentiva un forte odore di gas. Ha quindi convinto la residente ad aprire mobili e cassaforte ed è riuscito a rubare gioielli e contanti. Il caso è stato già denunciato alle forze dell’ordine.

Acquevenete raccomanda ai propri utenti di prestare la massima attenzione per difendersi da queste truffe. Per esempio è bene sapere che, se il contatore è accessibile dalla strada, non c’è alcun motivo perché gli operatori incaricati della lettura debbano entrare nella proprietà privata. E anche qualora, per contatori non accessibili dall’esterno, dovessero entrare nel cortile, in nessun caso si devono introdurre nell’abitazione. Va ricordato inoltre che il personale di acquevenete non chiederà mai di entrare nelle case per effettuare analisi dell’acqua, raccogliere dati sensibili degli utenti o chiedere pagamenti di persona.

Per qualsiasi dubbio, si consiglia di telefonare al numero verde gratuito del Servizio Clienti di acquevenete 800 99 15 44. Inoltre, è sempre buona norma segnalare eventuali comportamenti sospetti alle forze dell’ordine.

Articolo di Martedì 18 Febbraio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it