Condividi la notizia

COMUNE

Questione piscine: la vicenda sta per concludersi

Un annuncio importante quello del sindaco Edoardo Gaffeo, un caso, quello delle piscine che tenuto in ostaggio la città per anni. Ci sono 4 cause che viaggiano su vari tribunali 

0
Succede a:

ROVIGO - L’annosa questione piscine sta per concludersi. Il sindaco Edoardo Gaffeo ha annunciato che l'amministrazione è pronta a chiudere la vicenda.

“E' un tema importante per questo stiamo organizzando degli incontri a porte chiuse con i consiglieri, per portare tutti su un piano informativo omogeneo. La documentazione completa è di circa mille pagine e gli uffici stanno lavorando per creare un dossier di informazioni che racconti lo stato dell'arte. Ringrazio in particolare il segretario generale Alessandro Ballarin e l'avvocato civico Ferruccio Lembo”.

La vicenda, come ha ricordato il sindaco è iniziata nel 2005, attualmente ci sono 4 cause che viaggiano su vari tribunali, con tante cose accadute e cambiamenti di interlocutori.

“Confermo comunque – ha concluso il sindaco -, che siamo in dirittura d'arrivo. Tra qualche settimana porteremo in Consiglio la proposta per una soluzione tombale dell'intera vicenda”.

La questione piscine - Unipol (oggi Bper banca) tiene banco da tempo. La faccenda da 6,8 milioni di euro, solo considerando il decreto ingiuntivo della banca alla amministrazione comunale di Rovigo, temporaneamente sospeso dal tribunale di Bologna (LEGGI ARTICOLO), senza considerare i milioni dovuti all'ex concessionario Veneto Nuoto riconosciuti dal cosiddetto Lodo Baldetti, vede impegnate da anni, per la questione piscine, ingentissime risorse del Comune di Rovigo.

Articolo di Giovedì 20 Febbraio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it