Condividi la notizia

RUGBY

Sul web una raccolta firme per far dimettere il presidente federale

Una sconfitta dopo l’altra, l’Italia al Sei Nazioni non vince da anni, c’è chi chiede ad Alfredo Gavazzi di farsi da parte per cambiare la gestione della Fir

0
Succede a:

“Il Rugby italiano, nonostante la Federazione gestisca un bilancio ricchissimo, secondo solo a quello del calcio, non riesce ad esprimere un movimento di base degno del livello richiesto per continuare a partecipare al torneo più antico e prestigioso al mondo, il "Sei Nazioni" nel quale, peraltro, la Nazionale non vince un match da oltre cinque anni ed una partita in casa da oltre sette anni”.

Comincia così la petizione partita in queste ore sul web (LINK) per chiedere le dimissioni del presidente federale Alfredo Gavazzi. Non lo farà, questo è certo, attenderà le prossime elezioni federali, ma intanto la campagna elettorale è già cominciata.

“Si assiste, nel citato torneo, a spettacoli impietosi ed umilianti da molti anni senza aver mai dimostrato di aver fatto passi in avanti che potessero solo far sperare di avvicinare in un prossimo decennio il livello delle prime cinque del torneo. I commentatori televisivi non proferiscono una sola parola contro la gestione del movimento in generale e della Federazione in particolare, la carta stampata ed i vari blog si esprimono in tal senso solo in rari e pochi casi e sempre con l'approccio del bicchiere "mezzo pieno" (anche quando è miserrimamente vuoto!!) Il movimento di base è allo sbando e le varie realtà locali, dal Po in giù, affidate a combriccole di amici che fanno miracoli per cercare di reggere la baracca. Non si capisce cos'altro debba succedere affinchè un Presidente, insieme a tutto il Consiglio Federale, tragga le conseguenze di tale disastrosa situazione, assumendosi le responsabilita' del caso. dimissioni subito!”

Articolo di Domenica 23 Febbraio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it