Condividi la notizia

BANDO IMPIANTI SPORTIVI ADRIA

Ora è ufficiale: l'Adriese non vuole il Bressan

La compagine adriese (Rovigo) non ha partecipato il bando per l'impianto sportivo Bressan, che scadeva nella giornata di venerdì 28 febbraio e lascia strada, di fatto, al Bocar Juniors

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Come già scritto da Rovigooggi.it qualche settimana fa (LEGGI ARTICOLO) è ufficiale la "non" partecipazione al bando dell'Adriese che entro venerdì 28 febbraio doveva presentare domanda per il bando dell'impianto sportivo Bressan, tanto voluto proprio dalla stessa società granata e dal Bocar Juniors. 

Una notizia che arriva proprio nel pomeriggio del 28 febbraio e spiazza tutti coloro che pensavano di avere un settore giovanile dell'Adriese proprio nel campo in Borgo Dolomiti. L'unico partecipante è il Bocar Juniors, che martedì potrebbe aver l'ufficialità della concessione che partirebbe dall'1 giugno prossimo, visto che quella prorogata alla San Vigilio scade il 30 maggio. 

Una stuazione veramente incredibile, visto che dopo tutti i grandi proclami, la presentazione delle squadre da parte del presidente Luciano Scantamburlo allo stesso Bressan ancora a fine agosto 2019 con la presenza della stessa amministrazione comunale (LEGGI ARTICOLO) con lo stesso direttore tecnico Alberto Cavagnis che aveva affermato: "Riteniamo che il Bressan sia la nostra casa"; e ora? Non lo è più?

Tante belle intenzioni ad inizio anno agonistico, con questo che è stato solo la continuazione di una stagione che rimane fallimentare e con un settore giovanile che, di fatto, non si capisce dove si andrà ad allenare il prossimo campionato, forse al Bettinazzi? D'altronde si continua a parlare di una società, l'Adriese, che nell'era Scantamburlo, non ha mai avuto nessun interesse per il settore giovanile e che, in questo caso, conferma la tendenza sempre avuta. 

Ancora una volta è un vero peccato, perchè poteva essere la ripartenza per un settore giovanile serio e lungimirante nel tempo per la cittadina etrusca, magari con il ritorno insieme al Bocar Juniors, con il quale è stato mandato in frantumi un accordo di qualità, senza motivi chiari. Proprio la società del presidente Tito Livio Franzolin è l'unica partecipante al bando e dal prossimo 1 giugno potrebbe mettere le fondamenta per un settore giovanile ancora più ampio e radicato proprio ad Adria.



 
Articolo di Venerdì 28 Febbraio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it