Condividi la notizia

GRANDI OPERE

Un fascio laser tricolore apre la strada al nuovo ponte di Genova e lancia un messaggio di fiducia al Paese

Salini Impregilo accende un ponte di luce patriottico lungo 1000 metri in occasione dell’innalzamento del terzo impalcato

0
Non è più solo un cantiere che avanza velocemente: a Genova la costruzione del ponte che si avvia verso il completamento diventa un simbolo per tutto il Paese in un momento davvero difficile. Così, dopo aver consegnato a febbraio tutte le pile ed aver iniziato il sollevamento del terzo impalcato da 100 metri, Salini Impregilo accende stasera il “Ponte di luce per Genova” con i colori dell’Italia, per ricostruire simbolicamente il nuovo viadotto sul Polcevera e mandare un messaggio di fiducia alla città e a tutta l’Italia.
Il ponte di luce – a cui si aggiungeranno le note dell’inno nazionale, che risuoneranno in tutta la città - verrà realizzato attraverso l’allestimento temporaneo di un effetto luminoso visibile su tutta la lunghezza di 1.000 metri del nuovo ponte, da tutta l'area circostante. Il ponte luminoso verrà acceso al tramonto e spento all’alba. Sul sito www.salini-impregilo.com dalle ore 19.30 sarà possibile seguire l’evento in diretta streaming.

Con questa iniziativa Salini Impregilo vuole esprimere la sua vicinanza alla città e all’Italia nel momento in cui l’emergenza Coronavirus colpisce tutto il Paese. “I colori della bandiera dell’Italia parlano al cuore e danno coraggio, uniscono le persone sotto una unica speranza” ha detto Pietro Salini, amministratore delegato di Salini Impregilo (Webuild) “quella di superare anche questa sfida del coronavirus e far ripartire la città di Genova con il suo nuovo ponte, simbolo di un’Italia che guarda oltre le emergenze e ce la vuole fare in tempi rapidi”.

Dopo il completamento di tutte le pile e l’innalzamento dell’impalcato da 100 metri sopra la ferrovia, il nuovo ponte sarà visibile in tutte le opere in verticale e con 750 metri di impalcato, pari a tre quarti della lunghezza totale. Il ponte rappresenta un nuovo modello di costruzione di infrastrutture complesse, in cui imprese private ed istituzioni si mettono insieme per realizzare in tempi adeguati le infrastrutture che servono al Paese, idea che è alla base del Progetto Italia, l’operazione industriale con cui Salini Impregilo intende rilanciare il settore in Italia, sbloccare i cantieri fermi e salvaguardare l’occupazione.

 
Articolo di Sabato 21 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it