Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Il consigliere odontotecnico, e la moglie, al servizio della comunità

Ad Arquà Polesine (Rovigo) Roberto Costa, con la moglie, si è attivato per imbustare le mascherine arrivate dalla Regione Veneto per consegnarle ai volontari per la distribuzione alle famiglie 

0
Succede a:

ARQUÀ POLESINE (RO) - Arquà Polesine è stato uno dei primi Comuni ad attivarsi con la distribuzione della mascherine arrivate dalla Regione Veneto tramite la Protezione Civile.  

Il compito di distribuzione dei dispositivi di protezione individuale è stato affidato dal sindaco del piccolo paese, Chiara Turolla, al consigliere comunale Roberto Costa che assieme alla moglie Valentina sta gestendo da lunedì l'emergenza coronavirus sotto questo punto di vista. Roberto Costa,  sterilizza e imbusta le mascherine  assieme alla moglie. "Creiamo sacchetti, chiusi e sterilizzati con un numero di mascherine che può variare a seconda delle necessità" racconta Roberto Costa, che oltre consigliere è odontotecnico. Il suo laboratorio è diventato  provvisoriamente il centro di smistamento e distribuzione delle mascherine. 

"Da qui i volontari, tre persone residenti in paese che per aiutare la comunità si sono offerti, ritirano il materiale e poi lo distribuiscono a famiglie, negozi e aziende. Il tutto nel rispetto delle normative vigenti" conclude il consigliere comunale. Si ricorda che le mascherine giunte dalla Regione Veneto, create dall'azienda Grafica Veneta per far fronte all'emergenza Covid-19 stante numero insufficiente di mascherine per la popolazione non sono da considerare presidi medici,  sono da utilizzare quando si esce di casa per commissioni strettamente necessarie, sono strettamente personali e non vanno cedute ad altre persone, e da ultimo non sono lavabili.

 

 

Articolo di Mercoledì 25 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it