Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Chiedono informazioni alla Polizia e si autodenunciano 

Coronavirus: 140 persone identificate dalla Polizia di Stato di Rovigo nella sola giornata di martedì 24 marzo, 10 denunciati. Controlli del personale della Questura intensificati in tutta la città

0
Succede a:

ROVIGO - La stretta finale. Abbiamo incrociato due pattuglie della Polizia di Stato di Rovigo in meno di un chilometro. Città al setaccio, vietato uscire di casa, tre i motivi validi per farlo: lavoro, salute e spesa (possibilmente una volta alla settimana).

Questura di Rovigo che con la Squadra Volanti sta lavorando sette giorni su sette, 24 ore su 24. Nella sola giornata di martedì 24 marzo 140 le persone controllate dalla Polizia, 10 le denunce. Sanzioni ancora con il decreto vecchio (LEGGI IL NUOVO DECRETO) con multe meno salate, ma è pur sempre una violazione del codice penale. 

Due cittadini stranieri, provenienti da Ferrara, si sono fermati a chiedere informazioni alla Polizia di Stato. Dovevano andare a trovare un amico, ma di fatto si sono autodenunciati. Per gli altri 8, tutti italiani, di fatto circolavano senza motivo, alcuni erano stanchi di restare in casa, qualche giovane stava andando a trovare amici.

Nella sola giornata di martedì i Carabinieri della varie Stazioni della Provincia di Rovigo hanno proceduto a centinania di controlli, ben 19 i soggetti denunciati. 

Resta sempre valido il consiglio: #iorestoacasa, non solo per evitare multe salatissime e una denuncia, ma per la vostra salute e quella dei vostri cari.

Articolo di Mercoledì 25 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it