Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Il Consorzio è comunque al servizio dei cittadini

Il Consorzio di Bonifica Adige Po di Rovigo continua a lavorare, uffici chiusi al pubblico per sicurezza, ma gli operatori sul territorio stanno garantendo un servizio essenziale 

0
Succede a:

ROVIGO - La complessa situazione venutasi a creare a seguito della diffusione del coronavirus ed i provvedimenti assunti dal Governo e dalla Regione del Veneto interessano chiaramente anche le attività consorziali. Il presidente del Consorzio di Bonifica Adige Po di Rovigo informa che il Consorzio deve garantire servizi pubblici essenziali che riguardano, tra l’altro l’irrigazione dei terreni e lo scolo delle acque. Non si ferma perciò l’attività del Consorzio i cui servizi di scolo ed irrigazione continueranno ad essere forniti ai consorziati.

Il Presidente Branco informa che l’accesso agli uffici è stato interdetto al pubblico per garantire la sicurezza dei lavoratori garantendo comunque tutte le risposte utilizzando le tecnologie oggi a disposizione: telefono, fax , e-mail ecc.

Sono state attivate modalità di lavoro a distanza a rotazione del personale d’ufficio e l’utilizzo di ferie per il personale la cui presenza non è indispensabile con continuità al fine di garantire la massima distanza tra le persone e la presenza fisica minima all’interno degli uffici e sono stati sanificati i locali di maggior presenza di personale, operazione che verrà ripetuta settimanalmente fino alla fine dell’emergenza.

Il personale esterno è stato dotato anch’esso di mascherine, difficilmente ancora reperibili sul mercato, ed è stato informato circa il divieto di avere contatti diretti a distanza ravvicinata sia tra colleghi che con i consorziati privilegiando in ogni caso l’utilizzo del telefono.

Il sistema della bonifica è efficiente ed il personale addetto effettua controlli costanti sugli impianti idrovori, sulla rete di scolo e sui manufatti connessi potendo contare su un efficace sistema di telecontrollo e telecomando.

La stagione irrigua sta partendo per cui il personale tecnico del consorzio è impegnato per l’approntamento di tutto quanto necessario per poter soddisfare le richieste da parte degli imprenditori agricoli senza i quali si interromperebbe la filiera alimentare.

E’ stato fatto ogni sforzo al fine di garantire i servizi erogati dal Consorzio di Bonifica Adige Po che si estende in un territorio vastissimo di oltre 120.000 ettari compreso tra Adige e Po dai confini con la provincia di Verona fino a dove inizia il Delta del Po.

Nonostante tutto, pur avendo cercato di limitare al massimo gli eventuali disservizi, non è escluso che, vista la situazione contingente che ha bloccato o ridotto molte attività, si possano verificare alcuni disagi momentanei e limitati ai quali si cercherà di far fronte nel minor tempo possibile.

“Un ringraziamento a tutto il personale del consorzio  - evidenza il presidente Branco - che nonostante l’emergenza in atto sta dimostrando la massima disponibilità ed impegno per garantire i servizi pubblici essenziali di scolo ed irrigazione collaborando attivamente con l’amministrazione per dare soluzione ai nuovi ed imprevisti problemi conseguenti alla pandemia in corso.

Articolo di Mercoledì 25 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it