Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus: è polemica sul San Luca 

11 casi positivi all’Ospedale di Trecenta (Rovigo), poi rientrati, Gilberto Bianchini chiede al sindaco rassicurazioni sul futuro della struttura 

0
Succede a:

TRECENTA – “Ora basta il San Luca è sicuro” aveva tuonato pochi giorni fa il Direttore Generale dell’Ulss 5 Antonio Campostella, intendendo chiudere le polemiche sollevate, dal Capogruppo Consiliare della Lista Civica “Insieme per Trecenta” Gilberto Bianchini, sull’idoneità delle misure adottate al San Luca, dopo la decisione regionale di trasformarlo in struttura provinciale di riferimento per l’emergenza da Coronavirus. 

Solo sabato scorso, infatti, (LEGGI ARTICOLO) Bianchini manifestando tutta una serie di perplessità, condivise dalla consigliera regionale Patrizia Bartelle, aveva chiesto chiarimenti al sindaco Antonio Laruccia con un’interrogazione a risposta scritta. 

Ora la notizia data ieri pomeriggio (LEGGI ARTICOLO), data dallo stesso Direttore Generale nella videoconferenza giornaliera sul bollettino del contagio in Polesine, parla di 11 casi positivi all’Ospedale San Luca di Trecenta, precisamente sette pazienti, due medici e due infermieri. Una notizia schioccante, poi rientrata (LEGGI ARTICOLO AGGIORNAMENTO DI GIOVEDI' 26 MARZO) anche per i problemi che provocherà nel proseguimento del piano di trasferimento dei pazienti dal territorio proprio nel momento in cui sarebbe dovuto partire il piano di svuotamento dell’Ospedale di Trecenta, attraverso il trasferimento dei pazienti non affetti da Coronavirus in altre strutture. Com'è stato possibile il contagio? “Pensiamo che la spiegazione più ovvia, ha detto il Direttore Generale,  è che sia stato qualche operatore che l'ha portato in ospedale”. 

Questo ha fatto trasalire l’esponente di minoranza consiliare che, vedendo clamorosamente smentite le precedenti rassicurazioni di Compostella, scrive di nuovo al Sindaco chiedendosi se “ …il Direttore Generale sia competente a dirigere questa situazione oppure a che gioco stia giocando con le legittime preoccupazioni dei cittadini altopolesani". Affermazioni pesanti che alimenteranno altre polemiche anche perché Gilberto Bianchini, sui contagi all'ospedale San Luca di Trecenta, prosegue invocando l’intervento diretto di Laruccia. "A questo punto, scrive ancora Bianchini, egr. Sindaco è doveroso che Lei, quale responsabile della Salute Pubblica sul territorio, faccia presente ai cittadini di Trecenta lo stato di gravità della situazione in generale e in particolare con la chiusura dell’Ospedale San Luca che fine faranno i servizi socio-sanitari fino ad oggi resi ai cittadini altopolesani e soprattutto come saranno gestiti da domani gli ambulatori dei medici di base considerata l’alta percentuale di anziani residenti a Trecenta".

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Giovedì 26 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it