Condividi la notizia

PERSONALE CASA DI RIPOSO

Guolo: Nessun licenziamento a Papozze, stiamo lavorando per il bene della struttura

Il presidente dell'Opera Pia "Bottoni" di Papozze (Rovigo) chiarisce la situazione del personale con l'apertura della nuova ala della struttura, specificando che non ci saranno allontanamenti, ma solo spostamenti di ruolo

0
Succede a:
PAPOZZE (Rovigo) - "Ci tengo a spiegare che il direttore Mauro Badiale ha proposto ai sindacati la possibilità che quattro operatori socio - sanitari vengano, di fatto, messi a disposizione della cooperativa che in questo momento gestisce il primo piano della struttura, mantenendo ugualmente il loro posto pubblico, ma che sono in esubero per quello che è il numero richiesto di personale all'interno della struttura". 

Così il presidente della casa di riposo di Papozze, Diego Guolo, che chiarisce la situazione che si potrebbe venire a creare in un periodo ormai non troppo lontano. Infatti: "La struttura è in una fase di risanamento economico e il nuovo reparto sarà aperto la prossima estate, proprio per dare maggiore introito a tutta la casa di riposo". "Per questo motivo è vero che ci sarà la possibilità di aver altro personale, ma non nell'immediato". 

"A questo punto con il direttore si è constatato che l'organico della struttura è al di sopra di quattro unità, che dovranno, passare eventualmente sotto cooperativa mantenendo il posto pubblico, oppure accettare qualche concorso di mobilità; ma ribadisco che tutto questo è stata una proposta fatta ai sindacati e non è stata presa alcuna decisione". 

Concludendo: "A coloro che criticano e si scagliano contro a prescindere, senza sapere, dico che le questioni bisogna conoscerle prima di fare commenti, dato che già nel 2019 abbiamo chiuso il bilancio in pari e piano piano riusciremo a riprenderci nel miglior maniera possibile". "Puntiamo a fare sempre meglio e soprattutto a sviluppare la nostra struttura nel miglior modo possibile". "Colgo l'occasione per ringraziare l'amministrazione comunale per le mascherine donate e gli operatori che stanno lavorando per noi all'interno della struttura in questo momento difficile". 
Articolo di Giovedì 26 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it