Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus: lavoro agile, il Comune si attiva

L’amministrazione comunale di Occhiobello (Rovigo) ha provveduto a creare le condizioni per permettere il collegamento da remoto alle postazioni d’ufficio, in questo modo il personale dipendente potrà lavorare limitando la presenza in sede

0
Succede a:

OCCHIOBELLO (RO) - La giunta approva un regolamento temporaneo per l’adozione del lavoro agile. Per fronteggiare l’emergenza sanitaria e limitare la presenza di lavoratori negli uffici comunali, il regolamento consente lo svolgimento del lavoro in ambienti diversi dalla sede. Attualmente sono due i lavoratori che stanno fruendo di questa forma di lavoro flessibile come forma di contenimento dell’emergenza e per agevolare la cura dei figli in un momento in cui i servizi scolastici sono chiusi. 

Il lavoro a distanza è rivolto a tutto il personale, ma priorità viene riconosciuta alle lavoratrici nei tre anni successivi alla conclusione del periodo di congedo di maternità, lavoratori con figli disabili, lavoratori portatori di patologie che li rendono particolarmente esposti al contagio, lavoratori che si avvalgono di servizi pubblici di trasporto per raggiungere la sede lavorativa, lavoratori su cui grava la cura dei figli a seguito della chiusura di nido e scuola dell’infanzia. L’amministrazione, inoltre, ha provveduto a creare le condizioni per permettere il collegamento da remoto alle postazioni d’ufficio, in questo modo il personale dipendente potrà lavorare limitando la presenza in sede.

Il regolamento si accompagna a un decreto del sindaco che ha individuato una serie di attività indifferibili e attività urgenti da svolgere in presenza.

 

Articolo di Venerdì 27 Marzo 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it