Condividi la notizia

EMERGENZA STRAORDINARIA CORONAVIRUS

Il picco è stato raggiunto, ma quando finirà l'inferno? La data prevista del contagio zero

La fine dell'emergenza sanitaria potrebbe essere alle porte, ma per evitare di ricadere nell'incubo Coronavirus bisognerà attendere almeno il 10 di maggio

0
ROMA - Aggiornato con i dati raccolti alle 18 del giorno 30 marzo, nella giornata di ieri è stato diffuso lo studio previsionale del gruppo di ricercatori dell'Einaudi Institute for Economics and Finance (Eief), centro di ricerca universitaria di Roma sostenuto dalla Banca d’Italia specializzato in modelli matematici.

La domanda che è stata fatta agli scienziati è quella che tutti in Italia si chiedono: ma quando finirà tutto questo? La risposta è sicura: se non cambia nulla, ovvero se si continuano a mantenere le prescrizioni in essere ed i comportamenti degli ultimi 10 giorni, le date del giorno a contagio zero sono quelle riportate in figura.

Per il Trentino Alto Adige la soglia di zero nuovi contagi dovrebbe essere raggiunta il 6 aprile, in Basilicata il giorno seguente, in Valle d’Aosta il giorno dopo ancora, mentre in Puglia ci si dovrebbe arrivare il 9 aprile. Per le regioni più colpite d’Italia potrebbe invece volerci più tempo. Veneto e il Piemonte arriverebbero al giorno zero tra il 14 e il 15 aprile, la Lombardia il 22 aprile e l’Emilia-Romagna il 28 aprile.
Le statistiche a livello italiano, considerando il naturale "rimescolamento dei dati" dovuti agli inevitabili spostamenti delle persone, in maniera prudenziale, secondo tre diversi algoritmi, ci dicono che per essere sicuri dovremo attendere fino alla seconda metà di maggio. Si dovrebbe arrivare alla fine del tunnel da Coronavirus fra il 5 e il 16 maggio.

Il timing dell’epidemia varia infatti da regione a regione, Veneto e Piemonte per esempio, raggiungeranno il contagio zero già nella prima metà di aprile, ma la Toscana, per esempio, solo il 5 maggio.

Il grafico sarebbe valido solo a misure restrittive di contrasto invariate.
In azzurro infatti nel grafico, il monito dei ricercatori con lo scenario dell'ipotesi di nuovi contagi alla riapertura della vita civile ed economica prima del periodo di sicurezza indicato ovvero tra il 5 ed il 16 maggio 2020.
Articolo di Mercoledì 1 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it