Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Zaia: "Obbligo di mascherina e guanti per tutti al supermercato"

Dalle ore 24 del 3 aprile entra il vigore la nuova ordinanza di Luca Zaia, presidente del Veneto. I mercati alimentari all’aperto hanno le stesse disposizioni dei supermercati. Le somme delle sanzioni confluiscono nel fondo emergenza Covid

0

VENEZIA MARGHERA -  Luca Zaia, presidente della Regione del Veneto, anuncia la nuova ordinanza che proroga le condizioni di quella in essere e fa ordine su mercati all’aperto, garden, manutenzione del verde e indica come obbligatori l’uso di mascherina e guanti negli esercizi che vendono alimentari e supermercati. Ordinanza che entra in vigore questa notte alle 24 di questa sera fino al 13 aprile. 
I numeri del bollettino di oggi 3 aprile.130mila tamponi, in isolamento oltre 20mila e 200mila, 10.464 positivi. 1.964 ricoverati. 335 in terapia intensiva, come ieri.  534 morti, 12 in più di ieri, pesano i decessi nelle case riposo. Una notizia positiva: per la prima volta i dimessi superano i ricoverati. 81 i nati. 

Tamponi. La famosa macchina dei tamponi è arrivata a Padova, da lunedì ne sparerà da sola 7-10 mnila al giorno. Sacrificio ai Veneti ancora. 

Firmato ordinanza. “Vi voglio spiegare bene l’ordinanza che varrà fino al 13 aprile, - spiega Zaia - ovvero avrà la stessa durata del Dpcm del presidente del Consiglio ministri, porta degli allineamenti alla ordinanza governativa ma con una visione veneta del problema che è sempre stata diversa”. Rinnovata e prorogata la vecchia ordinanza: no al supermercato la domenica, rimangono le distanze dei 200 metri per attività motoria che non sia attivita di gruppo neanche minimale, il raggio di 200 metri è in linea d’aria. 

L’ordinanza ha delle novità. Il mercato all’aperto di genere alimentari deve avere un piano di gestione, “se no chiudono, ovvero all’aperto devono essere perimetrati o transennati, con un varco di accesso e uno di uscita e con vigilianza pubblico o privata per l’accesso”. 

Uso obbligatorio di mascherine e guanti per venditori e compratori nei mercati di vendita e supermercati, se una persona fosse sprovvista di mascherina deve coprire naso e bocca. Ovvero al supermercato entrano solo persone con guanti e mascherine.

Vietata vendita di prodotti garden e simili, solo consegna a domicilio. Manutenzione delle aree verdi pubbliche e private è cocnessa per urgenza. Il commercio al dettaglio di cancelleria è consentito all’interno dei supermercato, “i nostri ragazzi stanno studiando e lavorando da casa” spiega Zaia.  Consentite le opere collegate ad attività urgenti di protezione civile. Necessità di ogni attività esterna (accesso al giardino di casa per esempio) è consentita mantenendo almeno 1 metro dalle altre persone, e ogni altra soluzione indonea per evitare il contagio.

Le sanzioni. La violazione delle seguenti disposizioni comporta l’applicazione delle sanzioni in atto, e, novità, le somme delle ammende sono destinate al fondo regionale per il Covid. 

Donazioni. Oltre 25mila i donatori, raggiunti i 20 milioni di euro. Il numero lo trovate in allegato.

La sanità centralizzata? “Da noi la sanità funziona, se qualcuno vuole azzardarsi a mettere in discussione il nostro sistema sanitario consulteremo i veneti se vogliono farsi curare da Roma o dal Veneto. Così ci sarà una seconda conferma per Roma su ciò che vogliono i veneti, visto che la prima non è bastata”.

Articolo di Venerdì 3 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it