Condividi la notizia

EMERGENZA CORONAVIRUS. 

Contributi anticipati per gli enti dello spettacolo in difficoltà 

Boccata di ossigeno per gli enti dello spettacolo dal vivo con socio la regione Veneto. Cristiano Corazzari, assessore regionale alla Cultura: “fino al 90% del contributo associativo senza attendere il bilancio” 

0
Succede a:
Cristiano Corazzari

VENEZIA - Gli enti operanti nell’ambito dello spettacolo dal vivo, di cui la Regione del Veneto è socio in forza di apposite leggi regionali, potranno ricevere fino al 90% dei contributi associativi, senza attendere l’approvazione dei rispettivi bilanci consuntivi 2019. Lo ha stabilito, oggi, con specifica delibera su proposta dell’assessore alla Cultura, Cristiano Corazzari, la Giunta Regionale, in considerazione delle perdite economiche che il settore sta soffrendo come conseguenza delle restrizioni causate dall’emergenza epidemiologica Covid-19. Il provvedimento consente che l’assegnazione possa avvenire anche nelle more del bilancio preventivo 2020 per quegli enti che non lo hanno ancora approvato.

Gli enti interessati sono quelli già compresi nel bilancio di previsione regionale 2020-2022, dove nel dettaglio è quantificata l’entità dei contributi associativi:  Associazione Teatro Stabile del Veneto Carlo Goldoni (Euro 1.600.000), Fondazioni liriche Arena di Verona e Teatro La Fenice di Venezia (complessivi Euro 1.280.000), Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza (Euro 120.000), Fondazione Atlantide – Teatro Stabile di Verona  (Euro 45.000), Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (Euro 200.000), Arteven (Euro 650.000). Con la delibera odierna il contributo viene anticipato fino al 90% delle somme indicate.

“Si tratta degli enti più importanti in questo ambito tra quelli che operano sul nostro territorio – spiega Corazzari – Oggi, assicuriamo ad essi una boccata di ossigeno. Il pagamento della quota di nostra competenza, infatti, è fissato all’approvazione dei bilanci consuntivi ma è anche vero che in questo momento è indispensabile agevolare la ripresa e garantire tutta quelle serie di azioni che non solo non aggravino ulteriormente la situazione che tutti conosciamo ma che possono anche sostenere la vita di queste prestigiose organizzazioni al fine della ripresa. L’offerta culturale, infatti, riveste una fondamentale importanza per la nostra tradizione identitaria veneta così come per il benessere della comunità. È qualcosa di cui i veneti avranno molto bisogno alla fine di questa bufera; anche per sostenere la ripresa dell’offerta turistica”.

 

 

Articolo di Martedì 7 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it