Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Didattica a distanza, Bosaro sbarca su Classroom

Il comune di Bosaro (Rovigo) ha fatto molto per la scuola e gli alunni mettendo a disposizione strumenti idonei per seguire le lezioni. I genitori degli studenti si ritengono molto soddisfatti

0
Succede a:
Il sindaco di Bosaro, Daniele Panella

BOSARO (RO) - Sono partite oramai da un mese le attività legate alla didattica a distanza delle insegnanti della primaria di Bosaro. A spiegarle è Simonetta Coltro fiduciaria di plesso, dell’istituto comprensivo di Polesella: “Non è stato facile all’inizio, anche perché sembrava una sospensione temporanea, ma già dal primo di marzo insieme alla dirigente scolastica Claudia Ciocchetti, e il Sindaco Daniele Panella, ci siamo attivati per arrivare a tutti e con ogni mezzo. Ricordo che, quando ancora si poteva circolare, abbiamo portato i compiti fino a casa di quei bambini che non avevano possibilità di muoversi, portando fisicamente i libri che erano rimasti in classe. Nel frattempo grazie alle risorse digitali messe a disposizione dalla nostra dirigente, ci siamo messe al lavoro per predisporre un piano di lavoro per la didattica a distanza. La formazione è stata intensa e ancora in corso, con continui seminari on-line tutti i giorni predisposti dai nostri animatori digitali. Abbiamo capito che il mezzo più immediato per mandare i compiti era whatsapp con opera divulgativa da parte dei coordinatori di classe, nel frattempo si sono aggiunte nuove funzionalità sul nostro registro elettronico, ma non è stato facile far da educatori anche ai genitori, che si trovavano in difficoltà a gestire eventuali stampe e caricamenti dei compiti eseguiti”.

“Dopo aver inserito le classi nel sito Padlet, piattaforma di facile gestione per la didattica a distanza, in attesa delle consuete liberatorie finalmente possiamo annunciare di accedere alla piattaforma Classroom di Gsuite Education, piattaforma già usata per le scuole secondarie, già partite le video-lezioni sincrone con meet. Questo è stato possibile grazie alla digitalizzazione di famiglie meno abbienti residenti nel comune di Bosaro, all’impegno costante del sindaco Panella e della dirigente Ciocchetti, che si sono prodigati a mettere a disposizione risorse e strumenti per non lasciare nessuno senza la possibilità di istruirsi sebbene a distanza”. Chiosa la dirigente: “Attiviamo in comodato d’uso i dispositivi elettronici messi a disposizione dell’istituto, e colmiamo il divario digitale alla totalità degli studenti, ma l’obiettivo è ben più ampio con il progetto di istituire nel rinnovato plesso di Bosaro una scuola informatizzata, tecnologica e senza zaino, vista l’eccellente preparazione e volontà degli insegnanti che voglio ringraziare per il lavoro encomiabile che stanno svolgendo, visti i risultati dei sondaggi su genitori degli studenti”. Le fa eco il Sindaco che rivolge la sua attenzione alle famiglie; “era importante non lascare nessuno indietro, in questo momento difficile le famiglie stanno portando un carico pesante dimostrare di essere vicini è un segno di speranza. Come sempre la scuola primaria di Bosaro riesce ad essere all’avanguardia ed inclusiva, palesando ancora una volta di essere una realtà importante del paese, sempre attenta al futuro, alle nuove tecnologie e alla sperimentazione”.

Articolo di Lunedì 13 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it