Condividi la notizia

EMERGENZA STRAORDINARIA CORONAVIRUS

Nulla sarà più come prima. Varchi con scanner automatici per la temperatura in ospedale a Rovigo [VIDEO]

Ancora un decesso, il 21esimo. Giancarla Coltro di 89 anni, di Lendinara, ospite della Piccola casa di Padre Leopoldo, una residenza con meno di 20 ospiti autosufficienti. Ricoverata in Pneumologia, poi trasferita a Trecenta il 26 marzo è deceduta stamane

0
ROVIGO - "Tutto dipenderà dalla responsabilità dei singoli per la salute di ognuno di noi e degli altri. Nulla sarà più identico a prima, per lungo tempo saremo costretti a convivere con il Coronavirus. Negozi, supermercati, ospedali, non possono diminuire i livelli di allerta anche se i numeri e le indicazioni sono positive - ha affermato il direttore generale dell'Ulss 5 Polesana Antonio Compostella - Dovremo riorganizzare le modalità di accesso in ospedale. Misure di alta attenzione, con varchi dotati di scanner automatici su tutta la popolazione in accesso al servizio. Dobbiamo pensare che qualsiasi persona di fronte a noi potrebbe essere un potenziale Covid positivo, e comportarci di conseguenza".


Il bollettino locale riporta 7 nuove positività all'infezione da Coronavirus. Un andamento migliorativo rispetto al quadro regionale, in cui si registra una nuova infermiera del reparto di Geriatria più qualche caso di micro focolai domestici per un isolamento non corretto o operatori sanitari in strutture extra provincia.

•    Donna del 1976, alto Polesine, contatto di un caso positivo è in isolamento domiciliare.
•    Donna del 1972, medio Polesine, contatto a lavoro è in isolamento domiciliare.
•    Donna del 1970, medio Polesine, contatto familiare è in isolamento domiciliare.
•    Donna del 1976, medio Polesine, contatto familiare è in isolamento domiciliare.
•    Uomo del 1957, di Adria, contatto di un caso positivo è in isolamento domiciliare.
•    Donna del 1991, di Rovigo, infermiera della Geriatria di Rovigo, era già in isolamento domiciliare.
•    Uomo del 1991, medio Polesine, operatore sanitario della provincia di Padova, è in isolamento domiciliare.

La Geriatria è stata svuotata, tutti i positivi sono stati ricoverati a Trecenta, quelli con tampone negativo, da ripetere, sono stati trasferiti al settimo piano a Rovigo ricoverati in attesa del secondo tampone negativo. Ritorneranno negli spazi di Geriatria, in bonifica e sanificazione quando ultimati i lavori di ripristino e della messa in sicurezza.

Ancora un decesso, Giancarla Coltro di 89 anni, originaria di Lendinara, ospite della Piccola casa di Padre Leopoldo a Rovigo, una residenza per meno di 20 ospiti autosufficienti. Ricoverata in Pneumologia a Rovigo, trasferita a Trecenta il 26 marzo, deceduta stamane. Sono 21 i decessi ufficialmente registrati.

Complessivamente i ricoveri per Coronavirus sono 50, 18 in Semi intensiva respiratoria, 23 in area Covid e 9 in Terapia intensiva.

293 i positivi da inizio epidemia, 21 i decessi, inclusi due pazienti extra territorio Ulss 5 Polesana.
10 le guarigioni certificate oggi in aggiunta a quanto riportato fino a ieri portano a 61 i guariti complessivi. 560 le persone in isolamento domiciliare.

8.353 i tamponi eseguiti su casi sospetti, ricoveri, personale dipendente, ospiti case di riposo, operatori del territorio, per diagnosi precoce da virus Covid-19. Relativamente ai tamponi diretti a personale dipendente Ulss 5, su 1.700 persone con tampone effettuato, 31 le positività riscontrate con una percentuale di circa 1,8 per cento. Si tratta di 20 infermieri, 10 oss, 1 fisioterapista, 1 medico. Uno dei dipendenti è guarito portando a 30 i positivi attuali. Un numero, ancora una volta, inferiore alle medie regionali del Veneto.

STRUTTURE RESIDENZIALI EXTRA OSPEDALIERE IN POLESINE
Fratta Polesine - Sacra Famiglia (25 ospiti positivi nucleo disabili, 3 ospiti positivi nucleo anziani, 12 operatori della struttura tutti confermati)
Situazione stabile.
Rovigo - Piccola Casa di Padre Leopoldo (6 ospiti positivi). Positività già riscontrate nelle scorse settimane e già comunicate.
Ficarolo - Istituti Polesani (3 ospiti positivi confermati). Situazione stabile, uno dei 3 ospiti positivi è ricoverato in condizioni buone.
Porto Viro - Villa Tamerici (1 dipendente positivo). Situazione stabile.

Per tutte le altre strutture ad oggi non risultano positività.
Su 2.612 ospiti sottoposti a test sono state riscontrare solo 37 positività, per una  percentuale pari  all’ 1,41%.
Su 2.313 operatori sottoposti a screening sono state riscontrate solo 15 positività - 0,64%.
“E’ un dato ottimo che rappresenta il grande lavoro svolto dalle Strutture in collaborazione con la task force aziendale” ha sottolineato il direttore generale.

OSPEDALE DI COMUNITÀ COVID DI TRECENTA
A Trecenta è stato attivato un ospedale di comunità Covid per le persone dimissibili, ma ancora positive, che non possono proseguire l’isolamento correttamente a domicilio. “Stiamo mettendo in atto ogni azione possibile per contenere il virus” ha evidenziato Compostella.


 
Articolo di Martedì 14 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it