Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

Compostella: Rispettate le indicazioni della Regione Veneto in ospedale a Rovigo [VIDEO]

Per ritornare alla operatività garantendo la sicurezza l'Ulss 5 Polesana ragiona ad uno spazio filtro prima dei ricoveri in Geriatria ed in area chirurgico medica in ospedale

0
ROVIGO - Il direttore generale dell'Ulss 5 polesana Antonio Compostella ha annunciato un nuovo decesso tra i pazienti ricoverati in Geriatria (LEGGI ARTICOLO) ed una nuova positività tra il personale del reparto. "La situazione rimane sotto controllo, ma come annunciato (LEGGI ARTICOLO) dovremo rivedere i protocolli aziendali in vista della ripresa dell'operatività aziendale. Dovremo convivere a lungo con la presenza del Coronavirus ed abbiamo capito che dovremo adottare le stesse misure di sicurezza con chiunque perchè chiunque potrebbe essere portatore asintomatico del virus Covid-19.


Operatività e funzionalità saranno probabilmente ridotte per mantenere alta la sicurezza. Dovremo ragionare come comportarci nelle aree più a rischio come Geriatria o l'area medica. Stiamo ragionando se instituire degli spazi filtro per i nuovi ricoveri di pazienti prima di inserirli nei reparti di destinazione. Stiamo pensando a quali misure adottare per garantire l'operatività con la massima sicurezza".

Compostella ritorna sul focolaio di Geriatria: "sono ad oggi 18 gli operatori positivi su 49. Abbiamo riscontrato l'ottavo operatore socio sanitario positivo, quindi +1 rispetto a ieri, e sono rimasti 26 i pazienti positivi su 36.
Il reparto riprenderà l'attività in assoluta sicurezza completamente sanificato".

Compostella ha poi puntualizzato che gli accessi dei visitatori ai reparti (LEGGI ARTICOLO) sono avvenuti nel rispetto della norma regionale di un unico visitatore per paziente messa in atto dal 25 febbraio a Rovigo in tutto l'ospedale. I varchi in entrata in ospedale con controllo della temperatura sono invece cominciati il 27 marzo (LEGGI ARTICOLO).

5 i riscontri di positività, 1 Oss di Geriatria del 1981 del Mediopolesine in isolamento, 1 signora del 1976 del Mediopolesine, Oss che opera in una casa di riposo del padovano, prosegue l'isolamento, un signore del 1969 di Rovigo, contatto diretto con un positivo, con sintomatologia, prosegue l'isolamento, una signora del 1980 di Adria, in contatto diretto con un caso positivo, con sintomatologia, prosegue isolamento; una signora del 1974 dell'Altopolesine, infermiera degli Istituti Polesani di Ficarolo, risultata positiva allo screening della struttura, in isolamento.

Un decesso da ieri sera, Armando Marcomin, 85 anni, persona conosciuta e benvoluta in Polesine, attiva nel volontariato e sindaco in passato ad Occhiobello ed a Canaro (LEGGI ARTICOLO). Aveva effettuato l'accesso in ospedale a Rovigo da Pronto soccorso per trauma avvenuto in famiglia, poi ricoverato in Geriatria e trasferito a Trecenta dopo la positività del tampone.

46 i ricoveri complessivi, 3 in Malattie infettive a Rovigo, 14 in Semi intensiva respiratoria a Trecenta, 23 in area medica Covid-19 e 9 in Terapia intensiva a Trecenta.

5 i nuovi nati a Rovigo nel nuovo punto parto dell'ospedale del capoluogo.

300 i contagi complessivi da inizio epidemia, 6 i guariti che portano a 68 i complessivi da inizio epidemia.
Articolo di Giovedì 16 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it