Condividi la notizia

FESTA DELLA LIBERAZIONE

Anche Gaiba ha pagato il suo tributo di vite umane

A Gaiba (Rovigo) celebrazioni per il 25 aprile e grazie ai mezzi di Croce Blu, in tutte le vie del paese, è stato trasmesso l’Inno Nazionale

0
Succede a:

GAIBA (RO) - Celebrazione chiusa al pubblico sabato 25 aprile a Gaiba come in tutta Italia, per le celebrazioni della Liberazione. Alle ore 11 ritrovo presso il Municipio con la posa e benedizione della corona di alloro e a seguire l’Inno Nazionale trasmesso, grazie ai mezzi di Croce Blu, in tutte le vie del paese. 

“Buon 25 Aprile a tutti! 
Buona Festa di Liberazione dal nazifascismo!
Nel ricordo di chi ha dato la vita per riportarci alla democrazia e alla libertà.

"Avevo Due Paure
La prima era quella di uccidere
La seconda era quella di morire
Avevo diciassette anni
Poi venne la notte del silenzio
In quel buio si scambiarono le vite
Incollati alle barricate alcuni di noi morivano d’attesa
Incollati alle barricate alcuni di noi vivevano d’attesa
Poi spuntò l’alba
Ed era il 25 Aprile."
(Giuseppe  Colzani - Partigiano)

“Abbiamo celebrato a Gaiba il 25 Aprile con la deposizione della corona al monumento ai caduti insieme alla Giunta del Comune di Gaiba - il commento del sindaco Zanca - con la benedizione di Don Massimo Guerra, purtroppo in una forma chiusa al pubblico per la prima volta dopo 75 anni per le disposizioni ministeriali. L'invito è quello di tenere vivi i valori della Resistenza, di Libertà e Democrazia.

Anche Gaiba ha pagato il suo tributo di vite umane nel corso del secondo conflitto mondiale. Riscopriamo la biografia dei nostri nonni e bisnonni con la lettura delle loro biografie nel libro "Gaiba nella grande storia" (pag. 258-270).
Viva il 25 Aprile!”

 

 

Articolo di Domenica 26 Aprile 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it