Condividi la notizia

EMERGENZA SANITARIA

L'ordinanza di Zaia che fa chiarezza sulla Fase 2. Cosa si può fare e cosa no in Veneto [VIDEO]

Entra in vigore domani e varrà fino al 17 maggio. Tutti i punti messi in fila per il Coronavirus. Luca Zaia: "Mascherina per tutti sempre, a parte chi fa attività fisica intensa che però la deve indossare appena rallenta"

0
Succede a:
VENEZIA MARGHERA - Dati del bollettino del Coronavirus in Veneto del 3 maggio. 1516 morti in totale, 68 nati in Veneto nelle ultime 24 ore.
I due dati da tenere sottocchio che saranno esaminati tra 10 giorni: 1.058 ricoveri e 103 terapie intensive.
Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, ha pronta l'ordinanza che oggi presenta.
"Mi sono arrivate un sacco di segnalazioni - dice il Presidente -: alcuni non portano la mascherina e altri che pensano che tutto sia finito, non voglio arrivare a dover fare marcia indietro "per colpa di qualcuno non si fa più credito a nessuno"".


"Migliaia di ragazzi ci hanno scritto in queste ore - racconta Zaia - e si lamentano che ci sono tantissime persone che non rispettano le regole. L'irresponsabilità di pochi si ripercuote su tutti". Se i due numeri, ricoveri e terapie intensive, aumentano in maniera importante "si ritorna alla casella di partenza, come nel gioco dell'oca. Stiamo cercando di salvare il salvabile e qualcuno mette a repentaglio la salute della comunità non mettendo la mascherina".

Zaia presenta l'ordinanza che definisce "alla Veneta", per titoli, cercando di mettere in ordine le diverse Faq e quesiti che potrebbero esserci, "l'ordinanza che non è in contrapposizione con le leggi nazionale, ho un unico obiettivo: tutelare la salute dei veneti. I miei confini sono quelle regionali. Abbiamo messo in fila tutto".

Spostamenti nel territorio regionale. 
Sono ammesse le visite dei congiunti in tutto il territorio regionale, riguardano il coniuge, il partner convivente, il partner delle unioni civile, lo stabile legame affettivo, i parenti fino al sesto grado, come i figli dei cugini tra loro, gli affini al quarto grado. 

Distanziamento
Non si applica tra persone conviventi. Un metro è la regola, due metri se fai attività fisica. 

Misure di prevenzione generali nell'intero territorio regionale
In tutti i casi di uscita dalla proprietà privata è obbligatorio l'uso della mascherina o va garantita la copertura naso-bocca, guanti, o liquido igienizzante. Non sono soggetti all'obbligo a mascherina i bambini al di sotto i 6 anni e i soggetti con forme di disabilità. Per coloro che fanno attività motoria intensa non è obbligatorio l'uso della mascherina, salvo l'obbligo alla fine dell'attività stessa.

Attività motoria
È consentito lo svolgimento individuale o tra componenti del nucleo famigliare di attivita' sportiva e motoria quali camminata, tiro con arco, equitazione, canottaggio, pesca sportiva, bicicletta e altre. Al fine di svolgere attività motoria e sportiva è consentito spostarsi con mezzi pubblici e privati per raggiungere il luogo, nei limiti del territorio regionale. Concessa anche l'attività motoria addestramento animali.
"In pratica se una persona deve allenarsi sulla spiaggia può farlo, anche fuori comune, andandoci in auto - esemplifica Zaia - certo userà distanziamento sociale e mascherina". E il pericolo assembramento? "Vale il distanziamento sociale, dobbiamo cercare di andare avanti".

Attività agonistica impianti sportivi
E' consentita la pratica motoria e sportiva individuale per atleti professionisti e non professionisti in funzione degli impianti sportivi. Due metri di distanza da tenere, nei luoghi al chiuso e chiusi al pubblico. "Per esempio Federica Pellegrini in piscina si puo'  allenare" esemplifica Zaia.

Spostamento verso le seconde case
E' consentito lo spostamento verso la seconda casa, camper, velivolo di proprietà o in locazione per attività di manutenzione.

Parchi giardini ville
Sono aperti anche quelli pubblici.

Chiusure festive
Nei giorni festivi è confermata la chiusura degli esercizi commerciali di alimentari, telefonia, fotografia, salvo la vendita per asporto.

Modalità di accesso agli esercizi commerciali
Va a fare la spesa un unico compente della famiglia, salvo accompagnamento di minori e coloro che necessitano di accompagnamento. C'è l'obbligo del rispetto delle norme allegate. 

Commercio con consegna a domicilio
E' sempre ammesso con garanzia di distanziamento personale e uso almeno di mascherina e guanti.

Vendita di cibo a domicilio
Ammessa con rispetto delle norme di attività igienico-sanitario sia nel confezionamento che nella consegna, uso di guanti e mascherina.

Vendita di cibo da asporto
Effettuata previa ordinazione online e telefonica recupero attraverso distanziamento e contingentamento anche esterno, con mascherina e guanti e igienizzante. Un cliente alla volta all'interno tempo strettamente necessario al pagamento. 
Rimane sospesa ogni forma di consumo sul posto e nelle vicinanze, consegna a domicilio ammesso. Ammesso consumo di cibo all'interno del veicolo. 

Uso dei veicoli privati con passeggeri
Se carichi nel veicolo i conviventi non cambia nulla, se invece carichi conoscenti e amici o lavoratori l'uscita deve essere mascherina, guanti e igienizzante.

Misure precauzionali ambienti del lavoro
Vale l'accordo nazionale.

Distributore automatici
Tutti autorizzati. 

Mercati e commercio senza posto fisso.
Si conferma la misura per il mercato alimentare, banco piante e vestiario bimbi e, ingresso e uscita diverse, guanti e mascherine per ambulanti e clienti.

Ambulanti alimentari
Mascherina, guanti, distanziamento sociale, niente assembramento.

Navigazione
E' concessa, fatte salve le restrizioni imposte dal demanio marittimo.

Cimiteri e riti funebri
E' consentito l'accesso ai cimiteri, e i funerali con massimo 15 persone, preferibilmente all'aperto con dispositivi e distanza. 

Biblioteca
Consentita l'apertura pubblica e privata per la sola attività di prestito con misure anti contagio.

Aree verdi e naturali
Si confermano le attività di manutenzione, orti, terreni agricoli, boschi, uscita dal comune per attività di orto per autoconsumazione. 

L'ordinanza è applicata su tutto il territorio regionale, fino al 17 maggio. Zaia ricorda che le contravvenzioni vanno a dare corpo al fondo della Regione Veneto contro il Coronavirus.

Il trasporto pubblico ha una circolare a parte: vi si può accedere con mascherina, guanti e distanziamento sociale di 1 metro. Gli autobus dovrebbero caricare un terzo e i treni metà.
Articolo di Domenica 3 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it