Condividi la notizia

ECONOMIA

Bormioli Pharma continua a investire nonostante l’emergenza

Bormioli Pharma non si ferma e continua il suo percorso di crescita, investendo oltre 25 milioni di euro per il rifacimento di uno dei forni dello stabilimento e posizionando il sito di Bergantino (Rovigo) come uno dei più importanti centri europei

0
Succede a:

BERGANTINO (RO) – L’emergenza sanitaria globale che tutti stiamo affrontando, sia a livello nazionale che globale, non ferma la voglia di investire di Bormioli Pharma, che annuncia oggi il rifacimento di uno dei tre forni dello stabilimento di Bergantino (Rovigo), un progetto da poco conclusosi con successo e che posiziona il sito come uno dei centri più importanti per la produzione di vetro a stampo ad uso farmaceutico.

L’investimento avviene poche settimane dopo l’acquisizione di GCL Pharma – azienda con sede a Vasto (Chieti) specializzata nella produzione di chiusure in plastica, gomma e alluminio per il packaging farmaceutico – a ulteriore segnale del percorso di crescita intrapreso dall’azienda.

L’investimento, che ha visto un impegno finanziario di oltre 25 milioni di euro, ha prodotto un rilevante aumento sul potenziale produttivo del forno, andandone nettamente a migliorare la capacità e permettendo di sviluppare al meglio ulteriori futuri investimenti sul territorio. 

“Il nuovo forno, estremamente moderno sotto diversi punti di vista, è stato progettato per garantire un’alta efficienza energetica e basse emissioni. – afferma Alessandro Gazzotti, Operations Manager di Bormioli Pharma – Dal punto di vista tecnico, sono state installate macchine IS multi-cavità di ultima generazione. Inoltre, le macchine di ispezione sono dotate di una tecnologia full HD che garantirà un significativo miglioramento del livello di controllo sulla qualità.”

Il rifacimento del forno di Bergantino, insieme agli investimenti – in parte conclusi, in parte attualmente in corso – per il rinnovamento dell’impianto di San Vito al Tagliamento, dimostrano come Bormioli Pharma voglia continuamente investire sulla propria piattaforma produttiva.

Proprio grazie ai continui investimenti e agli 8 stabilimenti di cui Bormioli Pharma dispone, l’azienda è riuscita a garantire continuità delle forniture per i propri clienti e per tutto il mercato anche in questi mesi complicati, garantendo inoltre un’elevata flessibilità.

Nello stabilimento di Bormioli Pharma di Bergantino lavorano circa 350 dipendenti e vengono prodotti più di 1.8 miliardi di pezzi ogni anno. L’utilizzo di tecnologie avanzate, gli investimenti dedicati alla continua innovazione dello stabilimento e i sistemi di miglioramento della qualità dei prodotti, dimostrano come lo stabilimento di Bergantino si caratterizzi come uno dei centri più importanti europei di produzione vetro da stampo ad uso farmaceutico.

Bormioli Pharma opera in stretta collaborazione con l'industria farmaceutica e con tutte le aziende che stanno lavorando per il futuro della salute a livello globale. In qualità di player di fama mondiale nel settore del packaging, l'azienda serve il mercato farmaceutico e biofarmaceutico con soluzioni complete, che includono flaconi in vetro e plastica, chiusure in plastica e alluminio e accessori. Ogni prodotto è una combinazione unica di studi rigorosi, tecnologie all'avanguardia, test avanzati, processi industriali e materiali di alto livello. Bormioli Pharma ha una presenza globale in oltre 100 paesi, con più di 1.200 dipendenti e 8 stabilimenti in Europa specializzati nella produzione di imballaggi in vetro e plastica. Ogni anno l'azienda produce 6,5 miliardi di pezzi e nel 2019 ha registrato un fatturato annuo di circa 250 milioni di euro. Come partner dell'industria farmaceutica, Bormioli Pharma investe e innova con un unico obiettivo in mente: migliorare la vita delle persone. 

Articolo di Giovedì 7 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it