Condividi la notizia

AMBIENTE

Secco no alla cementificazione anche da Fratelli d’Italia

Fridays for Future scuote le coscienze di Rovigo, per Mattia Moretto, capogruppo Fratelli d’Italia Rovigo, il 22 maggio sarà un consiglio comunale importante sulla questione del consumo di suolo per la città

0
Succede a:

ROVIGO - “Interessante e ricco di verità è l'intervento racchiuso in una lettera pervenutaci dal movimento Fridays for Future” (LEGGI ARTICOLO) 

Questo il pensiero di Mattia Moretto, capogruppo Fratelli d’Italia Rovigo, venerdì 22 Maggio sarà una data importante nella quale il Consiglio Comunale di Rovigo sarà chiamato ad esprimersi sulla questione del consumo di suolo, questione di notevole rilevanza politica.

“Sarà curioso vedere come questa maggioranza si esprimerà perché - continua Moretto - se non avessimo ancora imparato a conoscere il Sindaco Gaffeo e la sua Giunta (quei civici di estrema sinistra che, a parole, si professano rappresentativi di valori quali l'ecologia e l'ambientalismo e che in questi mesi hanno dimostrato, su tutto, di dire una cosa per poi fare l'esatto opposto ) e ci limitassimo, quindi, a credere alle loro linee programmatiche, non avremmo alcun dubbio in merito alla loro posizione sull'argomento.

Purtroppo, però, ritengo che la realtà sia un'altra.

Importante ricordare, infatti, come giusto pochi mesi fa, l'Assessore Cattozzo (sì, lo stesso che ha voluto, nonostante questo periodo drammatico dove ogni singolo centesimo avrebbe dovuto essere utilizzato per aiutare chi si trovava e si trova, tuttora, in difficoltà, 50 mila a bilancio per rendere "smart" gli uffici comunali) abbia presentato una delibera con la quale si chiedeva alla Regione Veneto di poter rendere edificabili 84 ettari di suolo (il massimo consentito), oggi agricolo, disattendendo il programma elettorale che prevedeva il recupero dell'esistente e, quindi di fatto, mentendo alla Città”.

“Per quanto mi riguarda - conclude Mattia Moretto - e lo affermerò anche in sede di Consiglio Comunale, io sono per una politica che tenda la mano al recupero dell'esistente, alla rigenerazione urbana e che dica un serio e deciso No alla cementificazione!

Rovigo non necessita di nuove aree per costruire; ci sono già, e sono sotto gli occhi di tutti, sotto il profilo residenziale, migliaia di realtà in vendita, siano esse case o appartamenti e sotto il profilo industriale diversi ettari disponibili sui quali edificare”.

 

 

 

Articolo di Domenica 17 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it