Condividi la notizia

CULTURA

In viaggio tra la cartografia storica dell’Accademia

Il patrimonio documentario dell’Accademia dei Concordi di Rovigo messo a disposizione della collettività, una svolta voluta dal presidente Giovanni Boniolo, basta un click 

0
Succede a:

ROVIGO - Una memoria storica collettiva che solo la produzione cartografica riesce a restituire è da oggi accessibile dal sito dell’Accademia (https://www.concordi.it/cartografia-storica-dellaccademia/), un percorso attraverso dei veri e propri “luoghi magici” offerto online: In viaggio tra la cartografia storica dell’Accademia, è il nome del primo di una serie di possibili itinerari in rete, finalizzato  a promuovere  nuove modalità di conoscenza e valorizzazione  del ricco, eterogeneo e prezioso patrimonio documentario presente presso la biblioteca dei Concordi. 

Partendo da questa interessante suggestione, si è delineato un breve ma intrigante percorso tra  il Territorio Polesano e la città di Rovigo, dove, attraverso una selezione di fonti cartografiche, presentate cronologicamente, si mostrano luoghi e si tessono su di essi narrazioni, restituendo all’osservatore di oggi un modo particolare di vedere il mondo. 

Apre il percorso sul Polesine la famosissima stampa della Corographia dello Stato di Ferrara (1603) di Giovanni Battista Aleotti.  A seguire una  selezione di carte  settecentesche come ad esempio il Polesine di Loreo (1711), corografia di evidente interesse idraulico,  il Polesine di Rovigo di Bartolomeo Clarici (1721), emblematica di un nuovo modo di concepire la produzione cartografica che si va delineando nella prima metà del‘700 e riuscita sintesi tra il disegno progettuale e la rappresentazione ufficiale  del territorio dello Stato,  la carta del Polesine di Rovigo, stampata da Antonio Zatta nella riedizione del 1795, che riporta vari particolari del territorio, in special modo quelli idrografici, mettendo in evidenza la serie di canali e scoli che attraversano il Polesine. Nel breve percorso ottocentesco si potrà incontrare la carta di  Giuseppe  Boerio che illustra il territorio del Dipartimento del Basso Po (1802) e  una riedizione del 1810 della mappa di Giovanni Valle, che rappresenta un territorio molto vasto comprendente buona parte del Veneto, da Treviso a Ferrara e da Legnago al delta del Po e alla laguna veneta fino a Caorle. La carta, illustrata, da lungo cartiglio, riporta molte indicazioni geografiche, su vari aspetti del territorio, ed è arricchita di legende con notizie anche di carattere storico.   

Più rapido l’itinerario cittadino, che si snoda attraverso una piccola serie di mappe che consentono di osservare i luoghi in dettaglio. Allora entriamo nella Rovigo tra il XVII e il XIX secolo osservandone la cinta muraria, i percorsi terrestri e fluviali e l’intenso tessuto edificato visibile  in  alcune straordinarie piante come ad esempio quella stampata da Pierre Mortier (1704), quella allegata alla pubblicazione di Francesco Bartoli del 1793, mentre utile per conoscere l’evoluzione toponomastica della città risulta essere la carta topografia di Luigi Bigon (1828).  

In viaggio tra la cartografia storica dell’Accademia dei Concordi, è disponibile nei due percorsi, polesano e cittadino, alla pagina (link)

Articolo di Giovedì 21 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it