Condividi la notizia

COMMIATO

Casa Funeraria Zanella, sarà la prima del Polesine

Storicamente radicate nei paesi anglosassoni, le case funerarie si sono diffuse in italia nello scorso decennio, ad Adria sono ripresi i lavori, sarà la prima nella provincia di Rovigo 

0
Succede a:

ADRIA (RO) -  Con la “fase due” sono ripresi anche i lavori per la realizzazione di quella che sarà la prima casa funeraria del Polesine. Una struttura dedicata al momento del commiato, per vegliare i propri cari defunti e dar loro l’estremo saluto in ambienti appositamente pensati per offrire raccoglimento, privacy, e confort. La nuova casa funeraria, la cui costruzione era cominciata l’anno scorso su iniziativa della famiglia di impresari funebri adriesi Zanella, sorgerà in via Mons. Pozzato e l’inaugurazione è prevista dopo l’estate. “È un nuovo capitolo della storia che vede la nostra famiglia al servizio della comunità da oltre 35 anni” spiega Gianluca Zanella.

“Il coronavirus e le misure a contrasto dell’epidemia hanno stravolto molti momenti significativi per tutte le nostre vite. Compreso quello dell’ultimo saluto ai propri cari - continua Zanella, che recentemente ha lanciato anche un servizio per la condivisione delle esequie via web per consentire una forma di partecipazione anche a chi, per decreto, non può essere fisicamente presente al rito. “Abbiamo avviato il progetto della casa funeraria con l’obiettivo di dare al momento del commiato lo spazio ed il tempo che merita. Dopo ciò che è accaduto quest’anno sentiamo che questo servizio, che sarà gratuito, verrà percepito in modo ancor più positivo dalla comunità”.

La casa funeraria ospiterà la salma dopo il decesso fino al giorno della sepoltura. Rispetta  rigidi criteri igienico-sanitari stabiliti a livello regionale, i quali si coniugheranno con la grande attenzione posta nella progettazione degli ambienti e degli interni, pensati per garantire privacy e dignità al tempo che precede il funerale. I cari del defunto avranno a disposizione stanze riservate per la veglia e una “Sala del Commiato” in cui rendere l’ultimo addio al proprio caro con piena libertà di esprimere la propria sensibilità e le proprie emozioni prima del rito funebre. Il servizio della casa funeraria non comporterà costi aggiuntivi rispetto a un normale funerale. 

Tradizionalmente l’estremo saluto ai cari defunti veniva dato in casa, dove si riunivano amici e parenti. In anni più recenti, per vari motivi, questo momento avveniva per lo più nella camera mortuaria ospedaliera, dove però l’organizzazione di spazi e orari non era sempre in linea con le esigenze delle persone. Il Covid ha imposto importanti limitazioni all’accesso agli spazi ospedalieri e non è ancora chiaro come questi potranno essere ancora utilizzati in futuro. “Nella casa funeraria si potrà tornare a condividere questo momento di grande importanza per la vita di ciascuno di noi - conclude Zanella - Con  la vicinanza discreta che da sempre caratterizza i nostri servizi”. 

Storicamente radicate nei paesi anglosassoni, le case funerarie si sono diffuse in italia nello scorso decennio. Oggi nel nostro Paese sono già oltre 400, di cui 12 in Veneto. 

Articolo di Venerdì 22 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it