Condividi la notizia

POLITICA CORBOLA

"Domeneghetti dovrebbe essere più trasparente e imparare ad ammettere i propri errori"

Il gruppo di minoranza di Corbola (Rovigo), capeggiata da Rossano Doati, continua nella sua campagna di richiesta dello streaming in consiglio comunale, perchè tutto sia chiaro ai cittadini del paese deltino

0
Succede a:
CORBOLA (Rovigo) - "Nei giorni scorsi (lunedì 18 maggio) si è tenuto il consiglio comunale del comune di Corbola e come sempre il gruppo di minoranza si è trovato ad assistere alla solita recita da parte del sindaco Michele Domeneghetti che ormai lo vede come unico attore, che recita monologhi dai toni autocelebrativi e sinceramente anche noiosi". Così proprio il gruppo di minoranza di Corbola, che fa il punto della situazione proprio dopo l'ultimo consiglio comunale.

"Da quasi un anno siamo abituati a sentire delle non risposte e delle negazioni di ciò che è stato detto precedentemente da parte del primo cittadino, come ad esempio il “non riconoscere come sue” le parole dette durante il consiglio comunale del 10 marzo, dove con toni paternalistici tranquillizzava la platea affermando che non ci sarebbe stato un aumento di spesa per il comune a seguito della nuova convenzione per la creazione dell’ufficio personale associato tra i comuni di Castelguglielmo, Corbola, Ariano nel Polesine e il Ciass".

Sottolineando: "Purtroppo la realtà è ben diversa: questa nuova convenzione costerà quasi 20 mila euro all’anno al comune di Corbola, a fronte dei precedenti 12mila. Se questo aumento fosse stato dettato da un miglioramento dei servizi non ci sarebbe stato nulla di male, ma in realtà questo avvicendamento ha delle radici ben più profonde ed inquietanti ed è legato alle dimissioni date dal dipendente del Ciass, che precedentemente si occupava dell’ufficio personale, a causa di forti screzi con l’attuale sindaco, che in più occasioni avrebbe manifestato nei confronti del dipendente un comportamento palesemente in contrasto con le basi di una relazione educata e professionale".

"Il sindaco Michele Domenghetti infatti non ha mai basato il suo rapporto con il personale sulla stima e il riconoscimento di un ruolo importante all’interno dell’ufficio in questione. Dopo mesi c'è stata la decisione da parte del dipendente di dare le proprie irrevocabili dimissioni e quindi la necessità per il comune di Corbola di trovare disponibilità di cooperazione presso Castelguglielmo. Ciò ha significato un aggravio per le tasche dei cittadini di quasi 30mila euro nei tre anni di durata della convenzione, euro che l'amministrazione avrebbe potuto investire in qualche cosa di più utile per la cittadinanza, che in un anno dall’inizio del secondo mandato del Domeneghetti non ha ancora visto niente di concreto e significativo realizzato".

Concludendo: "Probabilmente chiedere scusa è un atto che non fa parte del vissuto del sindaco, che sempre troppo sicuro di se stesso crede di essere l’unico depositario di verità, che vengono tuttavia confutate dai fatti quando si basano su affermazioni ingannevoli, come spesso accade. Ci viene da pensare che il negarci continuamente lo streaming nei consigli comunali sia anche legato a questo suo cambiare le "carte in tavola" a suo piacimento e non vorremmo essere così in malafede".

"E’ d’obbligo fare un ultimo appello al sindaco: sarebbe il caso di smetterla di instillare nelle menti dei concittadini il sospetto che dietro la minoranza ci sia una mente oscura che la guida e che lui si guarda bene dal chiamare per nome. I fantasmi fanno parte del suo trascorso politico, non certamente del nostro. Facciamo il nostro lavoro seriamente e ne paghiamo spesso le conseguenze. Le nostre capacità critica e onestà intellettuale danno molto fastidio a chi è abituato a recitare un copione vecchio e superato davanti ad una platea silenziosa. Se ne faccia una ragione, prima che il palcoscenico possa cadere in mille pezzi".
Articolo di Sabato 23 Maggio 2020

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it